Roma da Leggere

News

Appunti di vita in città: aprile alla chiesa di Santo Spirito in Sassia

Fonte foto: wikipedia

Appunti di vita in città: aprile alla chiesa di Santo Spirito in Sassia
maggio 02
17:11 2016
Condividi su:
Share

Ogni settimana il giornalista e scrittore Paolo Marcacci raccoglie per Roma da Leggere i suoi Appunti di vita in città. Nella ventunesima puntata l’autore – tra parole udite ed altre immaginate –  realizza un delicato ed appassionante ritratto di due persone sedute sulle scalinate della chiesa di Santo Spirito in Sassia, a Roma, che forse, in un giorno del mese appena trascorso, si stanno dicendo addio…

 La chiesa di Santo Spirito in Sassia è così bella che dovrebbe stare da sola, senza diluire il suo impatto scenico tra le impalcature perenni, le mura scure dell’ospedale che le sta appiccicato, lo scorcio di traffico tra Via Della Conciliazione e Castel Sant’Angelo che si intravede giù in fondo. Non ci sono matrimoni vip o altre funzioni, come spesso accade e quei due possono starsene seduti a chiacchierare sulla scalinata bianca, levigata dai riflessi di una luce che solo aprile può offrire, senza mai garantirti che durerà.
Nessuna cosa, in fondo, ti garantisce mai di durare.
Non me ne sto lì ad origliare, non proprio almeno.
Non sono una coppia, forse lo sono stati, intuisco dai loro discorsi; di certo si sono rivisti dopo chissà quanto tempo e chissà perché proprio lì, poi; forse lei lavora alla ASL, apprendo che vive a Fiumicino con un compagno, non hanno figli ma tanti animali, dice.
Sembra quasi scusarsi perché non è più come lui la ricorda, è un’altra cosa, dice proprio così; questioni di tiroide e un’altra patologia che non riesco a capire l’hanno resa brutta ma ormai l’ha accettato, è aumentata di peso e ha il viso segnato, non proprio cicatrici, hanno un altro nome.
Lui, quello dei due che non parla quasi mai, le dice con tutta la naturalezza del mondo che invece è sempre Valentina, così come l’ha sempre vista, così come la ricordava: se è una bugia, gli è venuta meglio di tutte le altre che forse le ha raccontato.
Sembrano parole da innamorato, degne di una storia di quelle che non finiscono mai; non proprio quelle che ti aspetteresti da lui, che aveva appena detto di essersi appena sposato e di essere felice, come se stesse parlando di una delle opzioni fortunate del suo mutuo per la casa.
Sarà il sole, che comincia a caricarsi di riflessi arancioni, ma si guardano in modo che trasmette una temperata dolcezza, una complicità riscoperta che ora ha le rughe d’espressione della malinconia, senza un’ombra più di rancore o di rimprovero. Ed è proprio lì che mi assale il magone, proprio mentre lei lo guarda come se quella parte che sarà sempre innamorata assomigliasse ora più a una mamma che ha visto il figlio crescere, piuttosto che alla ragazza con cui lui stava un tempo. Scommetterei che quando stavano assieme erano una di quelle coppie di cui gli altri dicono che non si lasceranno mai.
La ragazza, forse non più per età ma tornata tale per l’occasione, a un certo punto dice di dover rientrare, cercando con lo sguardo il punto esatto del passato in cui quello che erano si è spezzato; lui reagisce come uno che venga svegliato di soprassalto, sulla scalinata bianca di Santo Spirito in Sassia.
Certo, certo… E poi il congedo con una fretta innaturale, che mi colpisce più di ogni altra cosa. C’è da scommettere che, senza dirselo, faranno in modo di non vedersi più.
Aprile, il più crudele dei mesi.
Condividi su:
Share
Tags

0 Commenti

Ancora nessun Commento!

Non ci sono commenti per ora, vuoi aggiungere uno?

Scrivi un commento

Scrivi un Commento

 
Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On GooglePlusVisit Us On YoutubeCheck Our Feed

L'agenda degli eventi

Nov
21
mar
2017
09:00 Freedom Manifesto – Umanità in m... @ Centrale Montemartini
Freedom Manifesto – Umanità in m... @ Centrale Montemartini
Nov 21@09:00–19:00
Freedom Manifesto - Umanità in movimento: poster in mostra alla Centrale Montemartini @ Centrale Montemartini | Roma | Lazio | Italia
Da Comunicato Stampa: Freedom Manifesto – Umanità in movimento Può un poster cambiare il mondo? Comunicazione visiva e utopia del possibile. Il Centro di ricerca interdisciplinare sul paesaggio contemporaneo ha lanciato
10:00 Picasso, tra Cubismo e Classicis... @ Scuderie del Quirinale
Picasso, tra Cubismo e Classicis... @ Scuderie del Quirinale
Nov 21@10:00–20:00
Picasso, tra Cubismo e Classicismo alle Scuderie del Quirinale @ Scuderie del Quirinale | Roma | Lazio | Italia
Picasso, tra Cubismo e Classicismo: dal 22 settembre al 21 gennaio 2017 le Scuderie del Quirinale ospitano una mostra dedicata al genio spagnolo e alle opere ispirate dal suo soggiorno

Seguici su Twitter

Iscriviti alla Newsletter