Roma da Leggere

News

Auto elettriche: un futuro possibile?

Auto elettriche: un futuro possibile?
luglio 18
08:53 2012

Auto elettriche: un futuro possibile?Auto elettriche: un futuro possibile?
di Francesca Cotugno

In Italia c’è un grado di attenzione molto alto intorno al mondo dell’auto elettrica. Si è arrivati ormai a  un punto in cui è necessario investire realmente in progetti ecosostenibili in grado di migliorare la qualità della vita e dell’ambiente. La strada sembra però ancora molto lunga se pensiamo che nel 2011 in Italia, secondo i dato di Andkronos, sono state vendute meno di 300 vetture elettriche su un totale di 1750000 immatricolazioni. A fine Gennaio, il Ministro dell’ambiente Corrado Clini ha dichiarato che entro la fine del 2020 l’Italia deve mirare ad avere un auto elettrica ogni cinque vetture nuove. Secondo i dati emersi dal Terzo osservatorio Deloitte dell’auto elettrica, presentati a Milano il 19 giugno 2012 in occasione del convegno “E-car”, il 70% degli italiani si mostra molto interessato all’acquisto di un’auto elettrica,  a condizione che le vetture abbiano un’autonomia giornaliera non inferiore ai 160 km, un tempo di ricarica non superiore alle due ore, e un prezzo, comprensivo degli incentivi, non superiore ai quindicimila euro.  Attualmente invece il costo di una vettura elettrica oscilla tra i 19.900 e 45.00 euro. Al momento però, il vero problema (su cui stanno lavorando prontamente le amministrazioni locali) è la mancanza di un’adeguata rete di stazioni di ricarica. Nel nostro paese  attualmente, secondo i dati di colonnine elettriche.it,ci sono solamente 228 distributori con colonnine per le auto elettriche, quasi tutti collocati a Roma e nella Lombardia, rimangono poi soltanto 46 punti di ricarica sul  resto del  territorio nazionale. Proprio per far fronte a questa grande carenza si punta ad arrivare entro il 2015 ad installare più di 1000 colonnine su tutto il territorio nazionale. Nel frattempo nella Capitale, Acea, Enel e Roma Capitale hanno recentemente sottoscritto un accordo che porterà in breve tempo all’installazione di 300 nuove colonnine per la ricarica di veicoli elettrici che si sommeranno alle 144 già presenti in città. In più l’Enel  ha cercato  di agevolare i possessori di auto elettriche con il programma “Enel drive”, un’applicazione disponibile per i- phone, i- pad e pc per vedere in tempo reale dove sono ubicate le public station (le colonnine di ricarica pubbliche dell’Enel), qual è la stazione più vicina a noi, e soprattutto se sono libere, occupate o in manutenzione. Una card personalizzata permetterà poi il riconoscimento del cliente nei vari punti di ricarica e, i pagamenti potranno essere addebitati  in bolletta o essere saldati con abbonamenti o carte prepagate. Acea ha anche ricevuto quaranta veicoli elettrici Fiat per rinnovare una parte del parco macchine. In più, per incentivare l’uso dell’auto elettrica,  tutti i viaggiatori del treno Italo potranno noleggiare al prezzo vantaggioso di otto euro l’ora una smart fortwo elettric. Inoltre l’esigenza di incentivare il mercato delle auto “ecologiche” è stato indicato anche nel Testo Unificato come modificato in Parlamento dalle proposte emendative approvate dalla ix e x  commissione nella seduta del 19 giugno 2012 .Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti erogherà così settanta milioni di euro ogni anno nel triennio 2013- 2015 per l’acquisto e l’installazione degli impianti elettrici. Anche negli edifici di nuova costruzione non destinati all’uso abitativo e superiori ai 500 mq verranno installate infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici. Insomma la sfida dell’auto elettrica sembra proprio essere iniziata.