Roma da Leggere

News

Cinema a Roma, a “Le Notti d’Oro 2017” la Capitale ha ospitato i 33 migliori corti del mondo

Cinema a Roma, a “Le Notti d’Oro 2017” la Capitale ha ospitato i 33 migliori corti del mondo
giugno 10
19:52 2017

La Casa del Cinema a Roma ha ospitato dal 4 al 9 giugno la manifestazione che ha visto protagonisti i 33 migliori cortometraggi dell’anno, tra proiezioni, conferenze e nuovi progetti per i cineasti di domani

Dagli Oscar ai BAFTA e dai Cesàr ai David: a Roma i vincitori di tutto il mondo. Si è chiusa, dopo 4 giornate, la tappa italiana de Le Notti d’Oro, la manifestazione cinematografica organizzata da l’Academie des Cesar e dall’Accademia del Cinema Italiano, giunta ormai alla sua 9^ edizione. La Casa del Cinema a Roma ha ospitato dal 4 al 9 giugno 2017 i registi dei 33 migliori cortometraggi premiati dalle Accademie di tutto il mondo: 4 intense serate di cinema in cui sono stati proiettati alla presenza di critici, professionisti ma anche semplici appassionati, tutti e 33 le opere, anticipate dalla personale introduzione dei singoli registi. Il tutto sotto la splendida cornice che offre La Casa del Cinema a Villa Borghese.

Dalla Francia all’India, dall’Australia al Brasile, registi e produttori da ogni parte del mondo hanno potuto, grazie a quest’incontro, toccare con mano e rapportarsi con differenti approcci, punti di vista e situazioni dei propri colleghi in una tappa, quella di Roma, che rappresenta solo una delle mete che vede i 33 cortometraggi, provenienti da 31 paesi diversi, ospitati in altre 8 capitali europee: Bruxelles, Lussemburgo, Madrid, Stoccolma, Lisbona, Atene, Vienna e Parigi.

Obiettivi della manifestazione ospitata alla Casa del cinema a Roma

Obiettivo cardine de Le Notti d’Oro è senza dubbio la cooperazione tra le diverse Accademie di cinema al fine di favorire, attraverso questi incontri internazionali, lo scambio culturale e di guardare la diversità non come un ostacolo ma come strumento di arricchimento, allargamento di vedute e spesso di superamento di limiti.

Questa manifestazione però non ha come scopo solo quello di portare in proiezione capolavori internazionali: infatti, uno degli obiettivi fondamentale di questa tappa italiana – ospitata alla Casa del cinema a Roma – è quello di dimostrare la volontà da parte dell’Accademia del Cinema Italiano di fornire supporto e collaborazione ai giovani registi ospitati per la produzione del loro primo lungometraggio e di impegnarsi nella distribuzione del genere del cortometraggio sui grandi e piccoli schermi italiani.

Proprio tale questione è stata il fulcro dell’ incontro professionale tenuto nel pomeriggio di venerdì 9 al Centro Sperimentale di Cinematografia, in cui i 33 registi hanno potuto confrontarsi e ascoltare i consigli dei maggiori esperti nel settore del nostro paese, tra cui Caterina D’Amico, preside della Scuola Nazionale di Cinema, e Tommaso Mottola, regista e fondatore del Capalbio Cinema International Short Film Festival, i quali hanno sottolineato e ricordato ai giovani registi l’importanza di non smarrire mai la propria identità artistica e di riportare, pertanto, la propria impronta personale senza scendere a compromessi anche nel lungometraggio. Quest’ultimo non deve essere un passaggio obbligato, né tantomeno un cortometraggio può essere considerato un mero “step” nella strada verso la creazione di un film poiché  esso è e deve essere considerato un’opera d’arte di uguale dignità artistica.

Tags
Condividi

0 Commenti

Ancora nessun Commento!

Non ci sono commenti per ora, vuoi aggiungere uno?

Scrivi un commento

Scrivi un Commento