Roma da Leggere

News

Affrontare una separazione: 7 passi su come mantenere un rapporto pacifico | INTERVISTA

Affrontare una separazione: 7 passi su come mantenere un rapporto pacifico | INTERVISTA
marzo 28
11:05 2017
Condividi su:
Share

Nel suo manuale per le coppie che scelgono di divorziare, Separarsi con Amore si può, presentato alla Galleria Sordi di Roma, l’avvocato Maria Luisa Missiaggia racconta come affrontare una separazione e l’importanza del reciproco rispetto

Un manuale per le coppie che scelgono di divorziare, ma non solo: una guida alla consapevolezza per tutti. Lo scorso 15 marzo 2017, l’avvocato Maria Luisa Missiaggia ha presentato, presso la Galleria Alberto Sordi di Roma, il suo libro Separarsi con Amore si può: una guida su come affrontare una separazione, realizzata in 7 passi per superare la dipendenza affettiva verso l’altro. Il libro, che vuole porsi come guida per quelle coppie che in seguito ad un momento di forte crisi scelgono di separarsi, insegna il metodo giusto per la famiglia e la coppia stessa nell’affrontare una fase difficile e dolorosa in modo maturo, favorendo una rinascita costruttiva.

Separarsi con Amore si può pone l’accento sull’importanza del rispetto e sul raggiungimento di un compromesso anche per chi sceglie di divorziare, soprattutto nell’interesse dei figli.

Avvocato Missiaggia, qual è il motivo che l’ha portata a scrivere un manuale su come affrontare la separazione?

«Il motivo che mi ha spinto a scrivere il libro è quello del diffondere un messaggio di pace e condivisione nella coppia anche dopo la separazione, poichè anche se la coppia decide di separasi questi rimangono sempre dei genitori; se non si insegna un metodo anche nell’affrontare una fase così difficile della vita le persone brancolano nel buio».

Come si presenta il libro Separarsi con Amore si può?

«E’ una manuale che illustra il metodo per separarsi, si tratta di una guida divisa in tre parti: nella prima parte vengono elencati gli errori della coppia, descrivendo il momento di dolore legato alla separazione e offrendo esempi di situazioni reali,  nella seconda parte viene descritto il metodo per uscire da questo momento di sofferenza e confusione, mentre nella terza vengono affrontati gli aspetti legali, con relative casistiche, legati soprattutto all’affido condiviso dei figli».

Qual è il punto di forza su cui la leva il libro?

«Il punto di forza è la conquista dell’autonomia; il libro vuole guidare il lettore a riprendersi la propria vita, a decidere in modo autonomo e indipendente dall’altro. Si tratta di un percorso personale per accettare la decisione dell’altro del volerci lasciare, evitando ogni tipo di accanimento, poichè con la rabbia e il risentimento non si ottiene nessun risultato, specialmente coinvolgendo i figli come mezzo per ferire l’altro».

Quali esperienze che l’hanno guidata verso la scrittura di questo volume?

«Ho creato StudioDonne nel 2004, insieme ad un team esperto mi sono occupata di casi di separazione, divorzi e affidamento condiviso, mettendo al centro la tutela dei minori. Nelle cause di separazione, quando ci sono figli, si deve innanzitutto mettere al centro l’importanza dei due genitori nel rispetto delle reciproche differenze». 

Come sempre accade in tutti gli aspetti e le fasi della vita, solo attraverso le esperienze già vissute da altre coppie, dunque, si può arrivare ad aiutare altre persone ad affrontare una separazione, confortandole e guidandole verso la consapevolezza della propria situazione.

Condividi su:
Share

0 Commenti

Ancora nessun Commento!

Non ci sono commenti per ora, vuoi aggiungere uno?

Scrivi un commento

Scrivi un Commento