Roma da Leggere

News

Coppa Italia Lazio-Juventus 0-1: Lichtsteiner elimina i biancocelesti | Top&Flop

Coppa Italia Lazio-Juventus 0-1: Lichtsteiner elimina i biancocelesti | Top&Flop
gennaio 20
22:49 2016

Coppa Italia Lazio-Juventus 0-1: il gol di Lichtsteiner decide il match valido per i quarti di finale disputato mercoledì 20 gennaio 2016. Eliminati i biancocelesti che non riescono a sfatare il tabù bianconero. Buona la prova di Bisevac al suo esordio, preoccupa Biglia

E’ la legge dell’ex a condannare la Lazio: l’avventura biancoceleste in Coppa Italia si conclude al 66′ minuto con il gol dell’ex Lichtsteiner, proprio il giocatore fischiato dai tifosi biancocelesti per tutto il match. Termina 1 a 0 per la Juventus di Allegri la gara valida per i quarti di finale disputata mercoledì 20 gennaio 2016 allo Stadio Olimpico. Resiste un tempo la Lazio, disputando 45 minuti di buon livello, dando quindi vita ad un bella sfida. Nella ripresa la forza della Juventus emerge, sotto tutti i punti di vista. La squadra di Pioli esce male, non solo per il risultato, ma anche per gli infortuni: escono in barella Mauricio e Biglia, ma preoccupa soprattutto il centrocampista argentino.

La partita –Quadrata la Lazio che non parte a spron battuto, ma è attenta anche in fase difensiva dove convince anche Bisevac alla sua prima apparizione in biancoceleste. Termina 0 a 0 la prima frazione di gioco, ma ciò non vuol dire che la partita sia stata noiosa. La palla gol più nitida è biancoceleste, con Biglia che serve bene in profondità Keita che apre troppo il tiro e spedisce il pallone fuori, ma la Juventus pressa con grande intensità tenendo sempre vivo il match e l’azione. La ripresa è più frizzante: cresce la Juve per qualità e rabbia, rischia di più la Lazio. La prima grande occasione degli uomini di Allegri arriva al 53′: prima Morata pesca il piede di Berisha che riesce a deviare, ma sui piedi di Zaza che da due passi sbaglia in modo clamoroso il tap in. Ancora Simone Zaza protagonista dell’azione che al 66′ porta al vantaggio bianconero: traccia una parabola a girare, che sbatte contro il palo. La palla arriva dalle parti di Lichtsteiner, che la ribadisce in rete con un tiro di piatto destro. L’ex condanna la Lazio: fischiato per tutti gli 80 minuti in cui resta in campo, spedisce la Lazio fuori dalla Coppa e permette ai suoi di approdare in semifinale dove incontrerà l’Inter. 

Top&Flop

Flop

Mauricio – L’inferiorità rispetto all’attacco avversario è netta, allora il brasiliano per limitare i danni ricorre ai “suoi” mezzi: falli e  interventi scomposti fanno parte del suo repertorio. Graziato dall’arbitro in un paio di occasioni nella prima frazione, rimedia comunque il giallo nella ripresa. Dispiace perchè in quella che non è certamente la sua partita peggiore, è costretto ad uscire per infortunio: lascia il campo in barella. Al suo posto Hoedt – Come non sottolineare che il gol arriva dalla sua parte? Sbaglia la posizione alla prima occasione in cui viene chiamato in causa.

Anderson – Entra in un momento delicato della gara, ma di certo non entra con la voglia di aiutare la squadra. Gioca con sufficienza, ritmo basso e senza spunto.

Top

Radu – Tornato ai suoi livelli, è il migliore del reparto arretrato. Insuperabile anche in velocità è una garanzia.

Bisevac – Non è un fenomeno, ma considerato che all’esordio si trova davanti la squadra più forte d’Italia, il suo impatto è positivo. Deciso e pulito negli interventi, fa dell’esperienza la sua arma in più rispetto ai compagni di reparto.

Biglia – La qualità del gioco della Lazio passa per i suoi piedi. E’ il migliore perchè da profondità in fase d’attacco, ma aiuta anche quando c’è da difendere. Stringe i denti, ma esce in barella.