Roma da Leggere

News

Gli Stadio a Roma, con “Miss Nostalgia” uno sguardo al passato per vivere il presente| FOTO

Gli Stadio a Roma, con “Miss Nostalgia” uno sguardo al passato per vivere il presente| FOTO
aprile 15
20:20 2016

Sono tornati per la prima volta da vincitori (di Sanremo) gli Stadio a Roma: il 12 aprile 2016, all’Auditorium Conciliazione, la band emiliana ha portato sul palco i brani del suo nuovo album Miss Nostalgia. Oltre due ore e mezzo di musica per uno spettacolo (non solo musicale) rinnovato e innovativo, malgrado qualche imperfezione.  E con la sorpresa Noemi. La nostra recensione

Lacrime. Gioia. Coinvolgimento. Questo è quanto gli Stadio a Roma hanno fatto provare al pubblico dell’Auditorium Conciliazione. La voce di Gaetano Curreri, frontman ed anima del gruppo, plana ed accompagna dolcemente gli strumenti musicali, mai sovrastandoli. Miss Nostalgia, l’ultima fatica discografica  della band emiliana, è stata presentata quasi per intero al gremitissimo pubblico romano il 12 aprile 2016. Per la prima volta gli Stadio a Roma si sono presentati a cantare presentandosi da vincitori dell’ultima edizione di Sanremo, quella che li ha visti trionfare sia con il brano Un giorno mi dirai che con la cover di Lucio Dalla, La sera dei miracoli.

Con questo tour la band porta sul palco uno spettacolo di due ore e mezzo con una veste profondamente rinnovata rispetto al passato. Tante sono le novità sul palco: l’allestimento è impreziosito da un grande schermo (che sostituisce i due precedenti, più piccoli di formato) sul quale scorrono le immagini significative dei pezzi interpretati, così il rinnovato gioco di luci conferisce un maggior impatto alla scena. Inoltre, ad arricchire il palco e le performance degli artisti fanno bella mostra delle sagome illuminate con dei led che attraversano il palco durante le canzoni più significative (come la nuova Rimini, Ballando al buio e Chiedi chi erano i Beatles) e due brave ballerine che interagiscono con la band nell’esecuzione di alcuni brani. Cambia anche l’attire dei membri della gruppo: si passa da un look casual e molto sportivo ad uno più formale ed elegante che aumenta l’appeal del gruppo.

Guarda la photogallery degli Stadio a Roma e continua a leggere:

 

La scaletta prevede che l’esibizione viva di due parti ben distinte. Nella prima – falcidiata da un audio non perfetto (e da una batteria che sovrasta tastiera e chitarra) che impedisce di godere appieno dei brani eseguiti – gli Stadio presentano per lo più il loro nuovo album, Miss Nostalgia, con l’esecuzione (applauditissima) del brano vincitore del festival di Sanremo 2016; nella secondo, tornano alla consolidata sequenza dei loro successi storici, con il crescendo finale che culmina con i bis Bella più che mai, Stabiliamo un contatto e Allo stadio.

Durante l’esecuzione de La Promessa, il brano che in Diamanti e caramelle viene eseguito in duetto da Gaetano Curreri e Noemi, la leonessa della musica italiana fa una vera e propria sorpresa alla band, presentandosi sul palco nel finale del pezzo, tra l’incredulità dei musicisti ed in particolare di Curreri, che improvvisa un bis del brano per poterlo cantare dall’inizio insieme alla graditissima ospite.

Questo tour porta con sé anche un’altra “prima volta”, ovvero l’assenza del co-fondatore degli Stadio, il batterista Giovanni Pezzoli, a causa di un malore che lo terrà lontano dalle scene ancora per qualche tempo. Al suo posto, Adriano Molinari, batterista che accompagna le esibizioni del cantante Zucchero Fornaciari. Pezzoli però non ha comunque fatto mancare la sua presenza, seppur a distanzagrazie ad un video messaggio con cui ha salutato i presenti.

Durante la prima parte del concerto gli spettatori sono rimasti ordinatamente seduti ai loro posti, mentre l’inizio della seconda parte ha “svegliato” i fan storici del gruppo: In molti, incuranti della security dell’auditorium, si sono fiondati sotto il palco. In quel momento è iniziato un altro concerto con la band che sembrava trarre forza dalla vicinanza dei loro sostenitori fornendo una prestazione migliore, più coinvolgente. Perché la bellezza degli Stadio è qui, nella poliedricità dei loro testi.: loro possono, nel breve volgere di una canzone, farti cantare a squarciagola o lasciarti silente a riflettere sul testo che stanno eseguendo.

Dare per ricevere, ricevere per dare. Questo è il succo del nostro lavoro che abbiamo preso da Lucio”. Con queste parole Gaetano Curreri ha poi voluto ricordare Lucio Dalla, che in vita era un amico, mentre ora è l’angelo custode della band. Dopo l’omaggio doveroso a Dalla, il leader del gruppo hapoi  ringraziato altri due personaggi che per loro sono più di semplici amici: Vasco Rossi e Paolo Bonolis, quest’ultimo, presente in sala e salutato dal pubblico con una vera e propria ovazione. Con i già citati bis di circostanza si è chiuso il concerto, in un crescendo di entusiasmo.

Per chi c’era – ma soprattutto per chi si è lasciato sfuggire l’occasione di vedere questo live  – la  band  tornerà presto nella Capitale: appuntamento al prossimo 11 luglio, quando torneranno gli Stadio a Roma, nell’ambito della manifestazione Luglio Suona Bene alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica.