Roma da Leggere

News

Al carcere di Rebibbia un concerto per abbattere le barriere

Al carcere di Rebibbia un concerto per abbattere le barriere
marzo 20
14:42 2013
Condividi su:
Share
carcere di rebibbia

Nella foto i Pivirama, sul palco del teatro della Casa Circondariale Maschile di Rebibbia. Per gentile concessione di Luca Caparrelli

Un evento particolare, per abbattere le barriere.

Venerdì 15 marzo Il Muro del canto e i Pivirama si sono esibiti nel Teatro del nuovo complesso della Casa Circondariale maschile, ingresso Via Majetti 70,  per un concerto organizzato dal Traffic Live, il noto locale rock di Tor Tre Teste. Un evento aperto anche al pubblico, senza nessun patrocinio, senza nessun tipo di finanziamento, dove non si paga il biglietto (leggi il racconto della nostra inviata).

“Un’iniziativa particolare – dice, nel presentare l’evento, il Responsabile dell’ufficio relazioni pubbliche del carcere – e quella di oggi è la seconda. Dato che la prima ha riscosso un enorme successo, siamo stati felici di averne fatta seguire un’altra che possa contribuire ad abbattere le barriere.’

Chiama sul palco un esponente del Traffic live, che termina di presentare l’evento prima dell’entrata in scena dei musicisti ribadendo che ‘questa iniziativa è un momento di condivisione per tutti’.

Sono poco più delle quattro di pomeriggio quando si inizia con i Pivirama. Sono Raffaella Daino alla voce e alla chitarra acustica, Fabrizio Vivarelli al piano, Pietro Mammone al basso e Davide Roberto alle percussioni.

A passi felpati, Raffaella introduce con una song melodica, intonando una voce delicata ma carica. Quello che ci vuole per un concerto desueto rispetto al solito cliché e al solito programma, proprio per smussare quella lieve ma appena percettibile tensione che si avverte nell’aria, da classico primo impatto che si prova verso una cosa nuova.

“Questa è dedicata a chi vede solo il grigio delle pareti, con l’augurio che possa al più presto tornare a guardare tutti i colori che ci sono là fuori”. Ecco come esordisce per presentare il secondo brano, All grey, che ha unito definitivamente tutti in un’ovazione generale. Dopo c’è Lost, altra canzone tratta dal lor secondo album, In My Mind. Poi concludono con Fantasy e War, due brani diversi tra loro, ma caratterizzati da innovazione e ricerca. I Pivirama sono un gruppo che si presenta con un indie che sperimenta e va oltre, è un assemblage di sonorità diverse, perché amano innovare, sperimentare, mescolando psichedelica e post rock.

carcere di rebibbia

Nella foto il Muro del Canto sul palco del teatro della Casa Circondariale Maschile di Rebibbia. Per gentile concessione di Luca Caparrelli

Cambio. E’ la volta della band Il muro del canto. Suonano un  folk rock scanzonatorio in dialetto romano, ma non tradizionale, tutto rieletto in chiave moderna. Sono un ensemble di musicisti, dalle più disparate esperienze nell’ambito della musica. Daniele Coccia alla voce e ai testi, alle percussioni e alla voce narrante Alessandro Pieravanti, alla chitarra elettrica Giancarlo Barbati, poi Ludovico Lamarra ed Eric Caldironi, rispettivamente basso e chitarra acustica (entrambi già componenti degli En plein air) e Alessandro Marinelli alla fisarmonica.

Si inizia con una breve intro e subito con l’Ammazzasette, cantata in romanesco. Una musica fuori dalla righe, che va oltre quella popolare, è più moderna, si apre alla sperimentazione e a una visione più ampia dato che ci sono influenze rockeggianti. Non si può riassumere tutto etichettando in un folk rock fine a se stesso, va studiato più a fondo, come si percepisce in Maleficio e successivamente in La Malarazza, brani particolari in cui emerge la personalità di ognuno. Il tempo stringe, la tabella di marcia è già prestabilita: cala il sipario con Arrivederci Roma.

Prima si alzano i carcerati. Viene fatto di guardare intorno. Si esce con un velo di amarezza  per sguardi espressivi che raccontano stralci di vita vissuta dietro sbarre di ferro. Consapevoli però di aver abbattuto, anche se per due sole ore, le barriere…

Ilaria Degl’Innocenti 

Condividi su:
Share
Tags

3 Commenti

Scrivi un Commento

 

L'agenda degli eventi

Dic
11
lun
2017
10:00 Picasso, tra Cubismo e Classicis... @ Scuderie del Quirinale
Picasso, tra Cubismo e Classicis... @ Scuderie del Quirinale
Dic 11@10:00–20:00
Picasso, tra Cubismo e Classicismo alle Scuderie del Quirinale @ Scuderie del Quirinale | Roma | Lazio | Italia
Picasso, tra Cubismo e Classicismo: dal 22 settembre al 21 gennaio 2017 le Scuderie del Quirinale ospitano una mostra dedicata al genio spagnolo e alle opere ispirate dal suo soggiorno

Seguici su Twitter

Iscriviti alla Newsletter