Roma da Leggere

News

Il Mo.V.I. Lazio rinnova il suo direttivo in una logica di reciprocità

Il Mo.V.I. Lazio rinnova il suo direttivo in una logica di reciprocità
dicembre 03
12:04 2012

In una sala completamente rimessa a nuovo dai volontari, piena di libri e scritti di Luciano Tavazza, fondatore del Mo.V.I. Lazio – Movimento di Volontariato Italiano, il 24 novembre 2012 si è tenuto l’incontro “Strade Nuove per l’Italia. Un laboratorio – cantiere da costruire insieme”

La dottoressa Silvana Zambrini, presidente del MoVi Lazio, ha salutato i presenti e ha ribadito la volontà di aprire i locali della sede non solo alle realtà municipali ma anche a quelle territoriali.
La presidente ha poi lasciato la parola a Franco Bagnarol, Presidente Nazionale Mo.V.I. e a Gianluca Cantisani dell’associazione Tamburi di pace.
Si è parlato di crisi, di dialogo, di opportunità e soluzioni.
Soprattutto si è ribadita l’importanza del volontariato e della partecipazione civica.
Si è sottolineato che le organizzazioni, associazioni ed enti devono confrontarsi ed interagire sia per capire sia per proseguire su strade nuove e parallele che portino ad un effettivo servizio, di qualità e partecipativo.

MoVi Lazio

Da sinistra: Anna Ventrella e Silvana Zambrini, quest'ultima presidente del MoVi Lazio

La cultura del volontariato deve essere trasmessa come modello di riferimento. L’impegno e la solidarietà non devono essere surrogati della mancata partecipazione delle Istituzioni, bensì nuovi modi di approcciare alla società, alla crisi e all’economia.
Della crisi si è discusso ampiamente, perché se è vero che il solo parlarne genera ansia e paura, è anche vero che solo sviscerandone tutti i suoi aspetti si riesce a capirla e, di conseguenza, ad affrontarla.
Bisogna lasciarsi inquietare per non restare indifferenti davanti alle nuove povertà, ai nuovi scenari geopolitici e alle nuove emergenze ed occasioni di crescita.
Ed è proprio la crisi che riporta al senso di comunità, in una logica di reciprocità e non sussidiarietà, vero motore del cambiamento dal basso.
Il cambiamento è sempre difficile e doloroso ma è, al contempo, necessario.
In Occidente è più complicato adattarsi alla crisi perché il nostro modello di sviluppo è legato al benessere economico e alla crescita finanziaria.
Ed in queste pieghe che il volontariato diviene motore e catalizzatore di nuovi scenari.
Sguardi motivati, giovani ed anziani, lavoratori e studenti, italiani e stranieri, tutti mossi da un unico obiettivo, ovvero fare del bene e farlo bene in un’ottica di partecipazione paritaria e di scambio.
Nella stessa giornata, oltre al confronto e a nuove proposte, si sono tenute anche le elezioni per il nuovo direttivo del Mo.V.I. Lazio.
Nuovo presidente regionale è Gianluca Cantisani, dell’associazione Tamburi di pace; Segretario generale, Anna Ventrella, dell’associazione SoS Razzismo Lazio; Abdessamad El Jaouzi, dell’associazione Cantieri dei Giovani italo-marocchini, e Maria Cattolico, della Fondazione Don Fronzuto. E’ stata acclamata, altresì, all’unanimità,Vice Presidente Silvana Zambrini, che ha rivestito per lungo tempo la carica di Presidente regionale, apportando al movimento di volontariato laziale una forte partecipazione associativa, soprattutto nell’ambito sanitario, oltre ad un taglio sempre anticipativo dei tempi, consentendo al Mo.V.I. stesso di essere all’avanguardia e strumento di facile apertura a tutte le realtà associative del territorio laziale.
L’Assemblea ha deliberato, altresì, l’istituzione di un Comitato Scientifico di cui faranno parte i soci che, a vario titolo, hanno dato il proprio contributo all’interno del Movimento stesso, che possa fare da garante e accompagnamento nel nuovo percorso del movimento del volontariato italiano, fornendo valido sostegno ai nuovi componenti del direttivo.
Sul sito Mo.V.I. Lazio potranno essere visionati, sin dai prossimi giorni, i profili personali degli eletti www.movinazionale.it.

Stefania Paradiso