Roma da Leggere

News

Il “Necci”, un’istituzione nel cuore del Pigneto dal 1924

Il “Necci”, un’istituzione nel cuore del Pigneto dal 1924
luglio 08
07:59 2012

Il bar Necci, al Pigneto,  è una istituzione , ma dal 2007 anno in cui la gestione è passata al giovane Massimo Innocenti  e al suo socio, lo chef inglese Benjamin Hirst si è affermato come locale di tendenza, dove poter gustare ottime colazioni, brunch, merende, aperitivi e cene.
Si trova in Via Fanfulla nel cuore del quartiere Pigneto nel Village Casilino popolato da giovani artisti registi emergenti musicisti e intellettuali.
Il locale ha all’interno 2 sale, la prima di ingresso è caratterizzata  da un lungo  bancone che espone varie prelibatezze a seconda della fascia oraria; brioches e lieviti al mattino piuttosto che pizzette e focacce a mezzogiorno e una seconda sala con deliziosi tavoli di legno in stile retrò che si affaccia sul cortile che circonda l’intero locale.
Il Necci fu la location del film di Pasolini l’Accattone e conserva di quei tempi l’atmosfera con l’oggettistica econ le foto in bianco e nero che si ammirano sulle pareti.
L’intero locale è arredato in stile vintage compreso il vecchio juboxe e possono accomodarsi circa 40 persone all’interno e il doppio all’esterno (grazie anche ai tavoli sociali)
Le vie del quartiere sono piuttosto strette e idonee al passaggio in scooter o meglio ancora in vespa per rimanere in tema, ma con un po’ di pazienza si riesce a parcheggiare anche l’auto.
C’è anche disponibile la griglia per il parcheggio delle biciclette.
Nonostante le origini britanniche dello chef si serve una cucina prettamente italiana e per meglio dire mediterranea. La caratteristica principale del locale è appartiene alla categoria bistrot facendo l’occhjolino alle nuove ispirazioni di osterie moderne. Infatti si può mangiare a qualsiasi ora del giorno (tipico dei bistrot) ma anche degustare piatti familiari (osteria) inoltre è aperto tutta la settimana per l’intera giornata.

Al Necci  e più correttamente dallo chef Ben si può andare per: le 8.00 di mattina per una profumatissima colazione, dal forno arrivano i lieviti  ottimi i cornetti ai semi di papavero, i plumcake e le crostate alle mele; per il brunch delle 11.00 quando fanno da padrone le sue ‘bruttarelle’ ( pizzette bianche croccanti) farcite con salumi, insalate e formaggi o le focaccine fritte con la bufala e il pomodoro fresco; per il pranzo light o per il pranzo della domenica, indimenticabili fusilli al ragù di pecora e le capesante in insalata;
per la merenda la pasticceria offre il meglio, millefoglie con crema chantille e fragoline, cheese cake, mousse di cioccolato e pere e la pastille ( una mela condida al brandy avvolta in una croccante sfoglia) e i classici biscotti al burro; ma anche per un buon aperitivo, da segnalare la carta dei vini ed infine per la cena con i piatti sperimentali della cucina creativa.

 

Per gli ‘irriducibili’ del fritto  si segnala anche il fish and chips fatto a regola d’arte secondo la ricetta londinese con  la pastella alla birra.



Si viene  accolti in un ambiente familiare e da camerieri piuttosto giovani e cortesi. Al mattino si può acquistare anche il pane fragrante prodotto dal forno stesso del Necci. Dal medesimo forno si producono panettoni alle mandorle a Natale e colombe pasquali, e tutta la pasticceria offerta dal locale.

Si può gustare anche soltanto una tazza di the o caffè e fermarsi a godere del fresco nel cortile. Locale dotato di wireless.
Costo medio 15/20 euro un po’ di più la sera a cena.

 

Contatti:

Via Fanfulla da Lodi, 68 – Pigneto – Roma
tel. 06.97601552
info@necci1924.com
www.necci1924.com
Orario di apertura >> 08:00 – 01:00; Aperto 7 giorni su 7. Aperti per colazione, pranzo, apertivo e cena.