Roma da Leggere

Il progetto

Il progetto

Roma da Leggere è una testata telematica plurisettimanale, ideata e fondata da Gianluca Vicinanza, che ne è anche il direttore responsabile. L’obiettivo è rendere la testata una voce plurale del mondo del volontariato (e non solo) a Roma, rendendola L’informazione ‘socialmente’ utile (come indicato nel payoff del logo).

Linea editoriale

In quest’ottica è attiva una sezione del sito dedicata interamente ai blog del volontariato romano (www.romadaleggere.it/blog), gestiti autonomamente dalle associazioni e dai loro volontari per esprimere opinioni e diffondere le proprie iniziative. La testata crede fermamente nell’importanza del Terzo settore e vuole fornire al mondo dell’associazionismo un luogo di scambio di idee e di una vetrina su Roma.

Il giornale online si presenta ai suoi lettori diversificando la propria offerta informativa da quella tutt’ora presente online: prerogativa di questa realtà editoriale è proporre un approfondimento delle notizie inerenti il territorio romano. Come un giornale cartaceo, ma trasportato nel mondo virtuale del web, attraverso anche l’ausilio dei social network e l’uso di canali multimediali come le photogallery ed i video correlati agli articoli. Contrariamente a quelle che sono le caratteristiche generiche delle pubblicazioni online (basate per lo più sull’immediatezza e pertanto sulla diffusione in maniera asciutta delle notizie), Roma da Leggere si propone in maniera nuova, alternativa, “sperimentale”, attraverso un andare oltre la semplice notizia, cercando di approfondire le tematiche trattate.

Buona informazione online

Oltre all’informazione socialmente utile, l’altro obiettivo della testata è rispondere al requisito della “buona informazione”, che è anche l’idea di base che unisce tutti coloro che collaborano a questo progetto. La “buona informazione” passa anche attraverso una “completa informazione”, dando voce e risalto anche a realtà sociali, culturali, sportive, ambientaliste, musicali e teatrali che si muovono all’ombra dei riflettori ma che, con il loro operato danno un importante contributo alla crescita di questa città.
Il target a cui si rivolge Roma da Leggere è ampio, perché si rivolge alla vasta utenza che naviga in internet e che ha interesse ad approfondire tematiche inerenti la Capitale o semplicemente seguire lo svolgimento degli eventi romani.

Formazione

Un altro degli obiettivi che Roma da Leggere ha iniziato a perseguire è anche quello di proporsi come un laboratorio giornalistico per le nuove leve della informazione, cercando di trasmettere quel po’ di sapere frutto di quell’esperienza che solo in una redazione di un giornale è possibile fare. Per questo motivo è stato avviato un percorso formativo che coinvolge le università romane ed in particolare i giovani universitari di Scienze della Comunicazione, i quali – collaborando con il giornale – hanno modo di incontrarsi e confrontarsi in un luogo fisico e reale e dunque hanno la possibilità di “farsi le ossa” mettendo in pratica la teoria appresa in facoltà. Il tutto sentendosi parte di un progetto e crescendo professionalmente insieme ad esso.

(Nella foto un momento dell’incontro in redazione con il regista e coreografo Mario Piazza)

0 Commenti

Ancora nessun Commento!

Non ci sono commenti per ora, vuoi aggiungere uno?

Scrivi un commento

Scrivi un Commento