Roma da Leggere

News

INRI Night: il Titulus Crucis del rock moderno è a Villa Ada

INRI Night: il Titulus Crucis del rock moderno è a Villa Ada
settembre 12
16:00 2015

A Villa Ada Roma incontra il mondo, tra il tradizionale e il moderno, arriva la INRI Night con tanti ospiti: Metibla, Stanley Rubik, Viva Lion!, Monaci del Surf e i tanto attesi Linea 77. Molto più che rock, groove ed elettrorock ad animare la serata di venerdì 11 settembre 2015. E’ stato uno show con una parte importante del rock italiano moderno, vista secondo le diverse interpretazioni delle band sotto l’etichetta INRI

Non solo chitarre, giri di basso e digressioni elettroniche. La INRI night di venerdì  11 settembre 2015 ha regalato molto di più. Sotto le stelle di un cielo ormai autunnale, la kermesse di band in programma a Villa Ada ha spopolato tra i presenti, grazie alle note dei Metibla, degli Stanley Rubik, dei Viva Lion! e dei Monaci del Surf, ad aprire al live dei tanto attesi Linea 77, con la ironica, quanto sberleffa e coinvolgente presentazione di Richard Benson. Il maltempo e i temporali del pomeriggio hanno un po’ ridotto il pubblico, che tuttavia si è dimostrato abbastanza carico per tutto lo show.
Si alza il sipario sui Metibla, che arrivano vestiti in tuta da lavoro per un rock disinibito, ampio. Irrompono con una canzone tratta dal loro primo full lenght, Hell Holes e continuano con un brani ancora più ritmati e appassionati. Si cimentano in una cover riarrangiata e rimodernizzata di David Bowie, Life On Mars, per proseguire con il loro recente concept, Crimson Within (2014). E’ un interessante trio, quello di Riccardo Ponis, Paolo Alvano e Valerio Fisik.

Gli Stanley Rubik presentano un elettrorock moderno. Sperimentazione è la parola chiave per carpire l’essenza della band, che ha il pregio di amalgamare magistralmente il tradizionale rock targato Italia a sonorità più moderne di scuola anglosassone. E’ una miscellanea originale, nuova, quella che propongono Dario, Gianluca e Andrea, a formare un insieme armonico, ”cinematico”, con testi in italiano che mettono il luce alcuni aspetti negativi della modernità, riassunti nel loro disco di esordio, dal titolo Kurtz sta bene (2015).

Guarda la photogallery dell’INRI Night e continua a leggere:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Viva Lion! invece suonano una serie di brani in versione acustica, in inglese, che ricordano molto le melodie americane tra il folk e il country, tipiche della west coast. E’ un duo che da anni è conosciuto nell’underground, non solo romano, e si rivela il giusto intermezzo tra le altre band più scatenate.
I Monaci del Surf hanno in serbo una scaletta di pezzi riarrangiati strumentali, diluiti in una performance impeccabile tecnicamente. La loro fama non si smentisce, perché, oltre al look con abiti neri e tanto di maschere sul volto, interpretano scale e arrangiamenti complicati senza mai fermarsi, da veri furfanti del rock.
Ultimo cambio palco, il più divertente, con le battute ”forensi” di Richard Benson, che tra le risa del pubblico ne approfitta per far ascoltare dal Cd, la sua canzone I Nani, annunciando il suo imminente tour che inizierà ad ottobre.

Carismatici, impattano sul palco come un’onda rock  i Linea 77. Instancabili, Tozzo, Dade, Nitto, Chinaski, Maggio e Paolo che sfoderano un’esibizione infernale quanto devastante. Non solo brani dal loro ultimo lavoro in studio Oh! , ma anche le classiche pietre miliari che da anni hanno scosso i fan. Sono ormai musicalmente lontani i tempi dei Murazzi: la band ha conquistato, passo dopo passo, i suoi seguaci attraverso concerti in locali di tutta la penisola. Il coraggio, il carisma e la carica si sono amalgamate in un vortice di note in continua ascesa. Villa Ada ha di nuovo incontrato il rock: quello vero, genuino, suonato senza mezze misure.

 

 

0 Commenti

Ancora nessun Commento!

Non ci sono commenti per ora, vuoi aggiungere uno?

Scrivi un commento

Scrivi un Commento