Roma da Leggere

News

Intercity Trenitalia: i dieci treni non saranno soppressi (per ora)

Intercity Trenitalia: i dieci treni non saranno soppressi (per ora)
aprile 05
19:34 2014

Intercity Trenitalia: i dieci treni non saranno soppressi (per ora)

Intercity TrenitaliaDieci Intercity soppressi, anzi no. Forse. Dopo neanche ventiquattrore dal polverone alzatosi il 4 aprile 2014 in seguito alla diffusione della decisione da parte delle Ferrovie dello Stato di “tagliare” quei treni non coperti dalla garanzia dello Stato per la loro valenza sociale, Trenitalia ha subito diffuso una nota per placare gli animi. Che si erano fatti bollenti in seguito all’interpellanza alla Camera durante la quale  il sottosegretario di Stato per le infrastrutture e i trasporti, Umberto Del Basso De Caro aveva preannunciato la soppressione da parte delle Ferrovie dello Stato di cinque coppie di intercity non soggetti a garanzia da parte dello Stato, a partire dal mese di giugno 2014 (leggi l’articolo).

“Contrariamente a quanto diffuso oggi dai media – si legge nella nota diffusa da Trenitalia – per nessuno dei 10 InterCity ‘a mercato’, oggetto di un’interrogazione parlamentare, è stata programmata la cancellazione al cambio orario di giugno. Infatti, prima di intraprendere nuove iniziative in ordine ai suddetti treni, Trenitalia attenderà gli esiti delle analisi del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che verranno completate a breve, per valutare, successivamente, assieme alle Regioni interessate, le eventuali azioni conseguenti”.

Dunque, la soppressione non è stata cancellata, ma solo posticipata, anche perché, nel prosieguo della nota stessa, si evince che tali treni comunque comportano delle perdite economiche che Trenitalia non sarebbe più disposta a sostenere. “A differenza di tutti gli altri treni InterCity che rientrano nel Contratto di Servizio con lo Stato – si continua a leggere nella nota diffusa dalla compagnia di trasporto pubblico –  per i quali la differenza tra costi di esercizio e ricavi da biglietti e abbonamenti è compensata da un apposito corrispettivo, i 10 InterCity in questione sono invece effettuati a mercato a totale carico di Trenitalia, che per questi treni ha registrato nel 2013 perdite per quasi 30 milioni di euro l’anno”.

Dunque, i dieci Intercity messi nel mirino dell’operazione di taglio dei costi, probabilmente circoleranno ancora a anche dopo il fatidico mese di giugno, anche se hanno comunque i minuti contati. Il tutto a discapito degli viaggiatori che usualmente si spostano con quei treni, come già aveva sottolineato il Codacons (Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori) appena emersa la possibilità di questa soppressione dei treni.