Roma da Leggere

News

Ironia Roma-Lazio 2-2: selfie e coreografia, il web si scatena | Foto

Ironia Roma-Lazio 2-2: selfie e coreografia, il web si scatena | Foto
gennaio 12
14:32 2015

Ironia Roma-Lazio 2-2: il selfie di Totti e una coreografia che in teoria doveva rimanere nella storia. Il web coglie al volo e i fotomontaggi abbondano

E’ stato un gran derby, d’alta quota, tra la seconda e la terza squadra del campionato di Serie A. Quattro gol, un palo, il primo gol nella stracittadina di Anderson, il decimo e l’undicesimo del Capitano dei giallorossi.

Di tutto questo, cosa resta? Un selfie.

Ebbene si. Non c’è commento tecnico, non c’è tabella tattica. Non si parla di arbitri (finalmente). Ma il 141esimo derby della Capitale passerà agli annali per il selfie di Francesco Totti.

Il web e lo sfottò capitolino gioisce di fronte a queste esibizioni.

Quel gesto: le mani unite in alto, un oggetto da sollevare per far esultare i tifosi. Un trofeo? Macchè! Un telefono per farsi  un selfie: un primo piano davanti ai tifosi e per i tifosi.
E il web si scatena.

Il fotomontaggio è immediato e rimanda al 26 maggio quando un altro capitano, Stefano Mauri, davanti ai suoi tifosi compiva lo stesso gesto, ma in mano aveva la Coppa Italia vinta nella finale disputata contro la Roma.
E i protagonisti, alle spalle del Capitano, siamo sicuri fossero i giallorossi? Il fotomontaggio più diffuso (e anche il più divertente) vuole il numero 10 immortalare i festeggiamenti biancocelesti sempre per la Coppa Italia.

Ecco le immagini più belle che la rete offre (cliccate su di esse per scorrerle e continuate a leggere):

 

Si ride, ancora, nel commento delle coreografie. Il bello del derby capitolino è lo spettacolo che offrono le due curve. Dopo anni anche i giallorossi proponevano la loro coreografia presentata nei giorni scorsi come “qualcosa che sarebbe finita sui libri di storia dell’arte”.
Ci dispiace deludere i tifosi giallorossi, ma difficilmente l’arte coglierà la straordinarietà di quanto creato.

Ecco di cosa si tratta (cliccate sulle immagini per visualizzarle tutte):

 

E nessuno si offenda:  è pur sempre una partita di pallone e il derby vive anche di sfottò sano tra tifosi.