Roma da Leggere

News

KLIMT Experience: lasciati trasportare dal flusso delle emozioni

KLIMT Experience: lasciati trasportare dal flusso delle emozioni
febbraio 15
23:20 2018

Fino al 10 giugno 2018 la seicentesca Sala delle Donne del San Giovanni valorizza la propria storia con le moderne arti visive della mostra KLIMT Experience


Non è presente nessuna opera d’arte originale nella mostra KLIMT Experience allestita nella Sala delle Donne del Complesso Monumentale San Giovanni – Addolorata fino al 10 giugno 2018.

Come Klimt si distaccò dalla tradizione accademica, questa esposizione si differenzia dalle mostre tradizionali.
KLIMT Experience è infatti una rappresentazione multimediale dedicata alla vita e alle opere del padre fondatore della Secessione viennese, nell’anno in cui si celebrano i cento anni dalla sua morte.

Grazie a una video istallazione, con proiettori laser che garantiscono altissima definizione, inizia il viaggio onirico. Una visione completa dell’opera del pittore, altrimenti impossibile da ammirare in un unico evento espositivo.
Nella Sala Immersiva si trova la summa dell’inimitabile arte klimtiana su maxi schermi a 360^ , insieme a fotografie d’epoca e alla ricostruzione della Vienna dei primi del ‘900. Il contesto socioculturale in cui si formò e lavorò il pittore.
Tutto accompagnato da una emozionante e coinvolgente colonna sonora delle musiche di Strauss, Wagner, Bach, Mozart. Un percorso espositivo di circa 85 minuti, introdotto dal contributo didattico in cui viene contestualizzata la vita e l’opera artistica di Gustav Klimt.

Arricchito dalle suggestioni iconiche e dalle pillole biografiche trasmesse da oltre 20 monitor della Sala Visual.
Si passa poi alla Sala degli Specchi dove si è immersi da segni e figure che si susseguono su pareti, pavimento e soffitto.
Per poi penetrare negli stessi dipinti di Klimt con gli Oculus VR, che permettono al visitatore l’esperienza della realtà virtuale.
E scoprire infine l’esposizione degli abiti riprodotti interpretando i disegni e le texture dall’artista viennese.

Un linguaggio narrativo innovativo e contemporaneo che occupa gli spazi di un gioiello dell’architettura romana della seconda metà del XVII secolo. La Sala delle Donne del Complesso Monumentale di San Giovanni – Addolorata. Che con la scelta di una collaborazione pubblico-privato acquisisce finanziamenti aggiuntivi per rinnovare le tecnologie sanitarie.
Riportata recentemente a nuovo splendore dopo un accurato restauro, la Sala delle Donne era stata edificata come ambiente destinato in via esclusiva al ricovero delle donne inferme e gravide. Insuperabile esempio di architettura barocca romana.

A ogni tempo la sua arte, all’arte la sua libertà, affermava Klimt. Che coltivò  il mito dell’opera d’arte totale, quella che passava attraverso pittura, architettura fino alle arti applicate, ai gioielli, alla moda. Cantore della democratizzazione del bello, della creatività, con una formula decorativa piena di implicazioni simboliche.  L’idea del bello era associata in lui a quella della decadenza, del precario sopravvivere della forma alla fine della sostanza.

Così il format di KLIMT Experience vuole essere quello dell’intrattenimento culturale godibile da tutti. Grazie alla spettacolarità del linguaggio contemporaneo la generazione dei ragazzi cresciuti con i new media.
L’obiettivo del percorso esperenziale e dei curatori della mostra è entusiasmare e meravigliare il pubblico. Attraverso la messa in scena dei dettagli dei dipinti e della sua tecnica pittorica, invitarlo ad approfondire la conoscenza di Gustav Klimt  e la comprensione delle sue opere.

Grandissimo è stato successo di visitatori a Firenze e a Milano.
Come risponderà il pubblico romano?

KLIMT Experience

Complesso Monumentale San Giovanni – Addolorata
Sala delle Donne
Piazza San Giovanni in Laterano, 74 – 00185 Roma
Orario: ore 10,00 – 19,30;
Biglietti: Intero € 13,00 – Ridotto € 10,00;
Tel. 380 5895175
info.roma@klimtexperience.com
www.klimtexperience.com

0 Commenti

Ancora nessun Commento!

Non ci sono commenti per ora, vuoi aggiungere uno?

Scrivi un commento

Scrivi un Commento