Roma da Leggere

News

La più meglio gioventù, ironia e sarcasmo sui costumi della società | RECENSIONE

La più meglio gioventù, ironia e sarcasmo sui costumi della società | RECENSIONE
ottobre 22
14:44 2017
Condividi su:
Share

La più meglio gioventù apre la stagione al Nuovo Teatro Orione. Reading scritto ed interprato da Alessandro Bardani, in scena con Francesco Montanari, mette in scena in modo divertente i luoghi comuni e i controsensi dei nostri tempi

Metti due amici trentenni, due birre, tanta voglia di parlare e poca di fare ed ecco che nasce “La più meglio  gioventù”. Spettacolo divertente scritto, diretto ed interpretato da Alessandro Bardani andato in scena con Francesco Montanari sabato 21 ottobre. Un’ora di risate, battute ironiche e dissacranti per Montanari e Bardani che, alla loro settima collaborazine, aprono con una data unica la stagione 2017-’18 del Nuovo Teatro Orione.

La più meglio gioventù” è un reading con tanto di leggii, una sorta di “Aspettando Godot” senza voler essere irriverenti, in cui due amici si confrontano, commentando le loro vite, quello che li circonda, come se aspettassero qualcosa o qualcuno che non arriverà mai. Montanari e Bardani interpretano loro stessi che si scambiano battute sui costumi tipici della nostra società, con la voglia di cambiare (a parole) quello che li circonda, senza mai agire. Scenografia semplice ed essenziale: sul palco due leggi, due birre ed un divano. Nella data romana, ospite anche Francesco Marioni (The Giornalai) e con lui non sono mancati riferimenti al panorama musicale italiano.

Ce n’è per tutti: dal ‘laureato con sentimenti di precariato ed inadeguato‘, all’ironia sul relativismo circa ogni tipo di giudizio, fino al commento tra il sacro e profano sul razzismo. Si parla dell‘ansia che attanaglia le nostre generazioni, di come è cambiata la musica, dell’eterno conflitto tra Roma Nord e Roma Sud, fino alla sociologia spiccia che anima gli amati ed odiati gruppi di WhatsApp. Sottili i riferimenti a “Romanzo Criminale” e al costume tipico dei nostri tempi di ricorrere a conoscenze e nomi altisonanti per ricevere trattamenti di favore.

Come ammettono gli stessi protagonisti, sono in effetti “elucubrazioni mentali dettate dalla solitudine” che portano a questa voglia di rivoluzione, ma seduti, rinviando a domani. Un atteggiamento collettivo, quello scritto in modo sarcastico e brillante da Bardani, che sicuramente vediamo negli altri, ma di cui spesso noi stessi siamo protagonisti.

 

 

Condividi su:
Share
Tags

0 Commenti

Ancora nessun Commento!

Non ci sono commenti per ora, vuoi aggiungere uno?

Scrivi un commento

Scrivi un Commento

 
Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On GooglePlusVisit Us On YoutubeCheck Our Feed

L'agenda degli eventi

Nov
21
mar
2017
09:00 Freedom Manifesto – Umanità in m... @ Centrale Montemartini
Freedom Manifesto – Umanità in m... @ Centrale Montemartini
Nov 21@09:00–19:00
Freedom Manifesto - Umanità in movimento: poster in mostra alla Centrale Montemartini @ Centrale Montemartini | Roma | Lazio | Italia
Da Comunicato Stampa: Freedom Manifesto – Umanità in movimento Può un poster cambiare il mondo? Comunicazione visiva e utopia del possibile. Il Centro di ricerca interdisciplinare sul paesaggio contemporaneo ha lanciato
10:00 Picasso, tra Cubismo e Classicis... @ Scuderie del Quirinale
Picasso, tra Cubismo e Classicis... @ Scuderie del Quirinale
Nov 21@10:00–20:00
Picasso, tra Cubismo e Classicismo alle Scuderie del Quirinale @ Scuderie del Quirinale | Roma | Lazio | Italia
Picasso, tra Cubismo e Classicismo: dal 22 settembre al 21 gennaio 2017 le Scuderie del Quirinale ospitano una mostra dedicata al genio spagnolo e alle opere ispirate dal suo soggiorno

Seguici su Twitter

Iscriviti alla Newsletter