Roma da Leggere

News

Mannarino, sold out ovunque, ma non cercatelo in radio

Mannarino, sold out ovunque, ma non cercatelo in radio
luglio 07
21:27 2012

Guarda la photogallery del concerto di Mannarino (clicca qui)

Inviato da Hesse78 (Roma)

Occhi neri, curiosi, scanzonati e divertiti, nascosti dall’immancabile cappello e sul viso i tipici baffetti.
Alessandro Mannarino inizia il concerto al Foro Italico poco prima delle 22 ed è subito ritmo, battito di mani e balli.
Chi pensava che gli stornelli appartenessero ad una vecchia Roma non ha ancora visto all’opera il giovane cantautore.
Anche se un po’ di Vinicio Capossela sembra dargli ritmo, Alessandro ha un soul ed un’anima tutta sua che lo rendono bravo e coinvolgente.
Dai suoi successi più noti ad una canzone inedita, al Foro Italico non si sta fermi un secondo.
Mani che applaudono, corpi che saltano, ballano, tutti insieme a far festa con questo ragazzo che “spagnoleggia” e incanta. E lui, generoso, si dona al suo pubblico con due ore di concerto e divertimento. A mezzanotte saluta per riapparire dopo poco, richiamato dal pubblico, per ricantare e ballare “Serenata lacrimosa”.
La gente esce dal Foro canticchiando e ballando le sue canzoni, felice, sorridente ed emozionata. Il suo romanesco però non si è fermato solo nella capitale e ha venduto oltre trentamila dischi, a dimostrazione che i contenuti sono più forti del linguaggio con il quale si scegli di esprimerli.
Il fatto più sorprendente è che i suoi concerti e spettacoli sono sempre sold out pur non ascoltando una sua canzone in radio.
“Amen, tanto oggi con internet si risolve tutto ; il sistema che ripete solo musica che somiglia tutta a se stessa sta fallendo, ma io sono disponibile anche per le radio, non credo che la mia musica sia di nicchia”. Classe 1979 ha iniziato la sua attività artistica nel 2001. Nel 2009 anno intraprende la carriera solista con il disco Bar della rabbia, disco che ottiene un buon successo di critica (è finalista al Premio Gaber e al Premio Tenco come miglior opera prima) e di pubblico, grazie anche alle numerose apparizioni televisive del cantante nella trasmissione Parla con me. Lo stesso anno fa il suo esordio sul palco del Concerto del Primo Maggio e compone la sigla della trasmissione radiofonica Vasco de Gama condotta su Radio2 da David Riondino e Dario Vergassola. É protagonista del suo primo video clip “Tevere Grand Hotel” girato al Casilino 900 il campo rom più grande d’Europa chiuso nel febbraio 2010. Nel 2010 interpreta il ruolo di Rocco, un cantante italiano emigrato ad Amsterdam, nel film Tutto l’amore del mondo. In una scena del film canta la sua canzone “Me so ‘mbriacato”. Il 15 marzo 2011 esce  il suo secondo album solista, “Supersantos” interpretato dal vivo prima nel tour estivo “Supersantos Live” e poi nella tournée teatrale “L’ultimo giorno dell’umanità”. A settembre 2011 Mannarino firma la sigla d’apertura della nuova stagione di Ballarò, la trasmissione condotta da Giovanni Floris su Rai 3.