Roma da Leggere

News

Maratona di Roma 2017: il 2 aprile si corre la XXIII edizione

Maratona di Roma 2017: il 2 aprile si corre la XXIII edizione
marzo 21
13:42 2017

Maratona di Roma 2017: tutto pronto per la XXIII edizione che si svolgerà domenica 2 aprile con partenza e arrivo a via dei Fori Imperiali. Poco più di 16 mila gli iscritti. Ricevuto il patrocinio dell’Unesco

Conto alla rovescia per la XXIII edizione della Maratona di Roma che si svolgerà domenica 2 aprile 2017 con partenza alle 8.35 da via dei Fori Imperiali e arrivo nello stesso luogo. Sono 16.107 gli iscritti, dei quali 8.818 italiani e 7.289 da 130 nazioni dei cinque continenti. Gli uomini sono 12.636, le donne 3.471. L’evento sarà trasmesso in diretta su RaiSport dalle 8.20 alle 11.40 e in streaming sul portale www.raisport.rai.it. Quest’anno il percorso ha ricevuto il patrocinio dell’Unesco. 

Abbinata alla Maratona c’è la corsa non competitiva di 4 chilometri aperta a tutti, la Fun Run, che nelle ultime edizioni ha avuto una partecipazione media di 80 mila persone. Anche qui partenza da via dei Fori Imperiali dopo quella della maratona e arrivo all’interno del Circo Massimo, che ospiterà anche il Good Deeds Day, la manifestazione internazionale all’insegna della solidarietà e del bene comune in programma dal 31 marzo al 2 aprile.

Il Percorso

La 23esima Maratona di Roma 2017 è un evento Fidal (Federazione italiana di atletica leggera) Gold Label e IAAF (Associazione Internazionale delle Federazioni di Atletica Leggera) Silver Label. Il percorso è simile a quello dello scorso anno. Partenza e arrivo saranno entrambi a via dei Fori Imperiali, all’altezza del Foro di Traiano-Campidoglio. In particolare, partenza in direzione di Piazza Venezia, via del Teatro Marcello e arrivo da via IV Novembre-Piazza Venezia, dunque fronte Colosseo. Il tracciato tocca i punti più famosi di Roma compresi 3 luoghi di culto più noti della Capitale ovvero Basilica di San Pietro, Sinagoga e Moschea. Ci sono 70 cambi di direzione, nessuna curva a gomito e circa 7 chilometri di sampietrini.

Marathon Village

Il Marathon Village sarà allestito al Palazzo dei Congressi dell’Eur (Piazza John F. Kennedy, 1). Qui i partecipanti potranno ritirare il loro pettorale di gara e ci si potrà iscrivere alla Fun Run. La struttura, aperta dal 30 marzo al 1° aprile dalle 10,00 alle 20,00, ospiterà eventi culturali, scientifici, sportivi, di intrattenimento e animazione per i bambini nei 200 spazi espositivi. L’ingresso è gratuito.

Sport e solidarietà

La Maratona di Roma 2017 lega sport e solidarietà. E’ il caso di Leonardo Cenci, che torna nella Capitale e come l’anno scorso correrà per raccogliere fondi per la sua associazione Avanti Tutta, una onlus per la lotta contro il cancro. Cenci, 44 anni di Perugia, è affetto da un adenocarcinoma al polmone al quarto stadio con metastasi.

E poi ci saranno tanti runner che correranno i 42 chilometri spingendo carrozzine con persone disabili, dando loro la possibilità di vivere le emozioni della maratona. L’iniziativa fa parte del progetto Insieme per realizzare un sogno promosso da Asd Inix Sport e Unitalsi (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali).

Tra i volti noti ci saranno gli atleti paralimpici Alex Zanardi e Annalisa Minetti. Il campione emiliano punta al sesto successo nella Capitale con l’obiettivo di migliorare il tempo con il quale vinse lo scorso anno, ovvero 1:09.15. La cantante lombarda correrà a Roma la sua prima maratona, dopo aver partecipato nel 2012 ai Giochi Olimpici di Londra vincendo la medaglia di bronzo nei 1500 metri con il record del mondo di categoria. “La diversità è un’opportunità e non un limite – ha ricordato Minetti alla conferenza di stampa di presentazione dell’evento mercoledì 22 marzo -. La Maratona sarà un megafono per rendere protagonisti i tantissimi maratoneti che parteciperanno all’evento“.

Turismo e cultura

Dal 30 marzo al 6 aprile i partecipanti avranno una Art Card grazie alla quale potranno visitare gratuitamente 10 musei statali della Capitale insieme a un accompagnatore. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con il ministero dei Beni Culturali.

All’interno del Marathon Village sarà allestita dal 30 marzo all’1 aprile la mostra fotografica Rome Photomarathon, curata da Salvatore Orfino. Si tratta di 34 scatti stampati su un muro di 16 metri che raccontano l’evento capitolino dal 2010 al 2016 visto da alcuni fotografi che da anni seguono la Maratona.

Alla partenza della gara una delegazione di Legionari del Gruppo Storico Romano accoglierà gli atleti. Il Gruppo Storico Romano è un’associazione culturale nata nel 1994 allo scopo di rievocare il mondo dell’Antica Roma.

La presentazione in Campidoglio

Mercoledì 22 marzo 2017 in Campidoglio si è svolta la conferenza stampa di presentazione dell’evento. Ecco in sintesi alcuni interventi:

Enrico Castrucci, presidente della Maratona di Roma: “E’ un unicum al mondo. Sarà la 23esima edizione di un evento che abbiamo voluto impostare come un sistema capace di generare opportunità. Un sistema di opportunità intorno alle quali far diventare il cittadino romano attore di quello che stiamo costruendo. Roma ha uno spirito del luogo molto forte che vuol dire anche capacità di organizzarsi e vincere quando si lavora tutti insieme”.

Marcello De Vito, presidente dell’Assemblea capitolina: “Si colloca tra le principali maratone a livello mondiale. Solo una città come Roma può consentire sul suo percorso la visione di 500 siti di rilevanza storica e artistica. Ci saranno oltre 500 unità tra personale medico e paramedico, oltre 50 eventi musicali e altre iniziative all’interno del Fun Village”.

Daniele Frongia, assessore allo Sport del Comune di Roma: “La Maratona è un valore aggiunto per Roma, un evento a carattere internazionale. Quasi la metà dei partecipanti proviene da 130 paesi. Vorrei ricordare in particolare Alex Zanardi, Annalisa Minetti, Mario Ferri e Angelo Squadrone. Interessante poi sottolineare il gemellaggio con Buenos Aires, una città in cui vivono tanti cittadini italiani e romani”.

Alfio Giomi, presidente Fidal: “Quale altra città al mondo si può permettere queste ricchezze? Credo nessuna. Esistono tutte le condizioni per avere la maratona migliore. Abbiamo fatto passi avanti ed esistono tutti i presupposti per migliorarci ancora e non accontentarci”.

Riccardo Viola, presidente Coni Lazio: “Saranno presenti anche i centri di accoglienza dei migranti. Inoltre stiamo organizzando un pullman da Amatrice per far partecipare alla Maratona i ragazzi del posto”.

Renzo Razzano, presidente di Spes (Centro di Servizio per il Volontariato del Lazio): “Il Good Deeds Day si conclude il giorno della Maratona, anche in altri 70 Paesi, con una festa del volontariato aperta a tutti i cittadini alla quale saranno presenti tantissime associazioni. Abbiamo trovato un incontro con la Maratona attraverso la Fun Run che si coniuga bene con lo spirito che hanno i volontari”.