Roma da Leggere

News

Mostre a Roma Maggio 2019: A spasso per veder foto….. e qualcosa di inatteso

Mostre a Roma Maggio 2019: A spasso per veder foto….. e qualcosa di inatteso
maggio 01
23:34 2019

Mostre a Roma Maggio 2019: ogni mese Roma da Leggere vi propone alcune delle esposizioni che la Capitale ha da offrire a curiosi e appassionati d’Arte


Robert Mapplethorpe. L’obiettivo sensibile; Péter Korniss: Transizione; Memorie del Perù. Fotografie dal 1890-1950; Unseen / Non visti; Apertura Straordinaria della Scala Santa priva della protezione lignea… Vi proponiamo alcune esposizioni che ci hanno incuriosito.

LE MOSTRE A ROMA MAGGIO 2019

La mostra Robert Mapplethorpe. L’obiettivo sensibile
Dove Galleria Corsini – Via della Lungara 10 – 00165 Roma
Quando Fino al 30 giugno 2019
Ingresso Dal mercoledì al lunedì dalle 8.30 alle 19.00
Prezzo Biglietto Intero € 12,00 – Ridotto € 6,00
Info www.barberinicorsini.org
Ci piace perché le fotografie di Robert Mapplethorpe, autore che ha erotizzato la natura morta e nobilitato la cultura gay, sono collocate tra i dipinti classici della Galleria Corsini. A trent’anni dalla morte di questo controverso maestro del novecento e attento collezionista di fotografie storiche, le sue foto vengono esposte nel contesto di una quadreria settecentesca, allestita secondo il gusto del cardinal Neri Corsini. Il visitatore viene stimolato a individuare sintonie e differenze tra le opere esposte, relazioni formali e compositive. Un gioco di somiglianze, assonanze tematiche e di cortocircuiti storici.

 

La mostra Péter Korniss: Transizione
Dove Museo di Roma in Trastevere – Piazza di S. Egidio 1b – 00153 Roma
Quando Fino al 2 giugno 2019
Orario Dal martedí alla domenica dalle 10.00 alle 20.00
Prezzo Biglietto Intero € 6,00 – Ridotto € 5,00
Info tel. 060608
Ci piace perché attraverso le foto realizzate durante tutta la sua vita, Péter Korniss mostra i cambiamenti e i segni che la globalizzazione ha lasciato sulla cultura e sulla vita quotidiana dei villaggi contadini ungheresi. Dall’analisi dell’esistenza dei pendolari tra la Transilvania e l’Ungheria, studiati attraverso uno di loro per dieci anni, alla più concettuale indagine della Guest Worker. Fotografie recenti dedicate alle donne transilvane che lavorano a Budapest indossando ancora i loro abiti tradizionali.

 

La mostra Memorie del Perù. Fotografie dal 1890-1950
Dove Museo di Roma in Trastevere – Piazza di S. Egidio 1b – 00153 Roma
Quando Fino al 26 giugno 2019
Orario Dal martedí alla domenica dalle 10.00 alle 20.00
Prezzo Biglietto Intero € 6,00 – Ridotto € 5,00
Info tel. 060608
Ci piace perché non troviamo i soliti edulcorati scatti delle bellezze archeologiche del Perù. Ma l’utilizzo della macchina fotografica come mezzo per ritrarre, comprendere e interpretare il Paese. Suggestive fotografie che rappresentano la mutazione sociale di una delle culle della civiltà mondiale, da uno scenario post coloniale a storie di conquista e migrazioni. Attraverso punti di vista differenti, immortalando la vita di tutti i giorni, dei conflitti sociali, dell’espansione dell’economia capitalistica, gli autori hanno contribuito alla creazione di una identità nazionale.

 

La mostra Unseen / Non visti
Dove Museo di Roma in Trastevere – Piazza di S. Egidio 1b – 00153 Roma
Quando Fino al 26 giugno 2019
Orario Dal martedí alla domenica dalle 10.00 alle 20.00
Prezzo Biglietto Intero € 6,00 – Ridotto € 5,00
Info tel. 060608
Ci piace perché è un viaggio fotografico in un’Europa non vista, tagliata fuori dall’attenzione della politica e dei media. Una sorta di cartografia corale delle aree europee più celate e lasciate ai margini. Piccoli centri dell’Albania, della Polesia in Bielorussia, in Sassonia-Anhalt, nel Sulcis sardo raccontano il loro ambito più vulnerabile, il nucleo familiare. E gli effetti della trasformazione dell’Europa proprio sulle famiglie di queste aree, colpite da crisi e spopolamento.

 

Apertura Straordinaria della Scala Santa priva della protezione lignea
Dove Piazza San Giovanni in Laterano 14 – 00184 Roma
Quando Fino al 9 giugno 2019
Orario dalle 6.00 alle 14.00 ( dalle 7.00 nei giorni festivi) e dalle 15.00 alle 19.00
Ingresso gratuito
Ci piace perché è un’occasione unica per poter ammirare fino a Pentecoste, 9 giugno, la Scala Santa  senza il tavolato in legno di noce. Voluto da Papa Innocenzo XIII nel 1723 a protezione della consunzione dovuta all’intenso flusso di pellegrini che salivano in ginocchio. E avvicinarsi a punti di particolare rilievo sacro dove Cristo avrebbe lasciato traccia del suo sangue. Sono visibili i gradini marmorei, restaurati, su cui di solito è posta la copertura lignea, ritenuta la scala del Palazzo Pretorio di Ponzio Pilato a Gerusalemme. Gli scalini furono saliti da Gesù durante il processo e secondo la tradizione la scala fu fatta trasportare nel 326 a Roma da Sant’Elena, madre dell’imperatore Costantino.