Roma da Leggere

News

Ordinanza alcolici Roma, la bottiglia fa la fine di Cenerentola

Ordinanza alcolici Roma, la bottiglia fa la fine di Cenerentola
giugno 16
19:59 2015

Divieto di consumo all’aperto dalla mezzanotte, vendite vietate dalle 2.00 e multe fino a 280€: la nuova ordinanza alcolici Roma promossa dall’assessora Marta Leonori punta alla sobrietà

Roma sta lentamente andando in vacanza, ma non è la sola. Dal 16 giugno al 31 ottobre 2015 anche il cocktail del dopocena e la bottiglia di birra fra amici sembra vogliano prendersi una pausa estiva. La nuova ordinanza alcolici Roma, deliberata il 12 giugno 2015 dall’assemblea capitolina, impone infatti norme più rigide per il consumo e la vendita degli alcolici nella Capitale. Almeno per le vie di Roma, quest’estate l’alcol si fa Cenerentola e abbandona il ballo già allo scoccare della mezzanotte.

Il divieto. Alle 24.00 in punto scatta infatti il divieto di consumare bevande alcoliche all’aperto fino alle 7.00 del mattino successivo, a prescindere dal contenitore in cui siano contenute. Fin dalle 22.00 invece il divieto del vetro in strada, con la bottiglia messa al bando già dal dopocena e la vendita da asporto di bevande alcoliche vietata nei supermercati e anche ai distributori automatici. Divieto di vendita che si fa totale dalle 2.00 alle 7.00, momento in cui anche nei locali le spine verranno sigillate e le bottiglie messe in vetrina. Un divieto valido tutti i giorni della settimana nella zone interessate.

Le zone interessate. La nuova ordinanza concentra la sua azione nello specifico sulle zone di Castro Pretorio, Esquilino, Stazione Termini, Isola Tiberina, banchine del Tevere, Campo de’ Fiori, piazza Navona, Monti, Celio, Trastevere, Testaccio, Prati, Montesacro, San Lorenzo, Stazione Tiburtina, piazza Bologna, Pigneto, Marranella, Torpignattara, Ostiense, Ostia e Ponte Milvio.

Le sanzioni. In caso di contravvenzione, gli esercenti colti in flagrante dovranno sborsare 280€, mentre ai consumatori sarà commisurata una multa di 150€. Sarà la polizia locale di Roma Capitale a provvedere al rispetto della normativa, mentre ad Ama il compito di mantenere il decoro urbano.

Il commento dell’assessore. Lotta alla migrazione fra i quartieri e omologazione della normativa per «assicurare ai cittadini e ai turisti di poter vivere le notti romane senza andare incontro a situazioni spiacevoli o pericolose per colpa dell’abuso di alcol e di garantire maggior decoro e sicurezza ai nostri quartieri». Ha commentato l’assessora alla produttività Marta Leonori: «Anche quest’anno abbiamo realizzato una locandina [in testa all’articolo] che riassume prescrizioni e luoghi interessati. Le locandine saranno distribuite ai Municipi e agli esercizi commerciali, molti dei quali hanno già dato la loro disponibilità ad affiggerla».