Roma da Leggere

News

Pagelle Juventus-Lazio 2-0: trofeo bianconero. Il cuore biancoceleste non basta | Top&Flop

Pagelle Juventus-Lazio 2-0: trofeo bianconero. Il cuore biancoceleste non basta | Top&Flop
maggio 17
23:33 2017
Condividi su:
Share

Pagelle Juventus-Lazio 2-0: la Coppa Italia va ai bianconeri. Dani Alves e Bonucci decidono la finale disputata mercoledì 17 maggio 2017. I biancocelesti si svegliano solo nella ripresa, ma inutilmente

Un finale già scritto. La Juventus grazie alle reti di Dani Alves e Bonucci nel primo tempo batte la Lazio e conquista la sua dodicesima Coppa Italia. Il primo trofeo della stagione per la squadra di Allegri che si prepara a conquistare uno storico triplete.

Un finale già scritto perchè la Lazio, nonostante l’ottima stagione, non è all’altezza della prima della classe. Al netto di pali e infortuni (out Parolo dopo pochi minuti), nel secondo tempo c’ha messo cuore e coraggio, come invocato dalla Curva Nord, ma non è stato sufficiente.

Esce nuovamente sconfitta da un big match contro i bianconeri. Applausi per la squadra di Inzaghi per la finale conquistata, applausi da e per i suoi tifosi che oltre alla scenografia memorabile hanno sostenuto la squadra dal primo all’ultimo minuto nonostante vedessero la squadra capitolare sotto i colpi bianconeri.

Ecco il film della finale disputata mercoledì 17 maggio 2017 allo Stadio Olimpico di Roma:

Il tempo di un palo, colpito nei primi minuti da Keita. Tanto dura la Lazio nella finale di Coppa Italia contro la Juventus. Poi sale in cattedra la squadra campione d’Italia che spadroneggia all’Olimpico decidendo tutto nel primo tempo. Dani Alves dopo 12 minuti sblocca un match con un diagonale perfetto al volo. Nulla può Strakosha dopo che i suoi compagni si erano dimenticati del bianconero. Lazio in bambola, sbaglia tutto: il pallone brucia tra i piedi dei biancocelesti che lasciano campo aperto ai primi della classe che non si fanno pregare per rendersi pericolosi.

Lazio è sbilanciata e in contropiede la Juventus sfiora il raddoppio in almeno due occasioni clamorose, sempre con Dybala. E’ solo grazie ad un miracolo che al 18′ Strakosha riesce ad impedire a Dybala prima e ad Higuain poi di firmare il raddoppio. Il gol bianconero è nell’aria e arriva al 24′:Bonucci devia direttamente da corner e manda in tilt i capitolini.

Un primo tempo che indirizza da subito la finale: la coccarda tricolore della Tim Cup è già sulle maglie dei bianconeri, nonostante una buona ripresa degli uomini di Inzaghi. Il secondo tempo, infatti, vede la Lazio più organizzata e finalmente crea qualche occasione.

Sono i cambi a migliorare lo spirito biancoceleste: Anderson al posto di Bastos si rivela una mossa azzeccata. Il brasiliano ha subito un buon impatto sul match: si presenta con un tiro d’esterno che Neto riesce a togliere dall’angolino. Sempre da un’idea del brasiliano il colpo di testa di Immobile che Neto toglie dalla linea di porta. E’ l’occasione più nitida per i biancocelesti che avrebbero potuto riaprire il match.
Sono pochi d’altra parte gli spazi lasciati dall’impenetrabile difesa bianconera, ma la Lazio si dimostra squadra acerba sotto questo aspetto. Velleitari i tentativi di Keita e Basta che non impensieriscono minimamente la retroguardia avversaria.

Una sconfitta che non muta le riflessioni ampiamente fatte sulla squadra di Simone Inzaghi. Un allenatore che è stato in grado di creare un gruppo giovane che le sue “battaglie” le ha vinte. La Lazio è arrivata in finale superando Genoa, Inter e Roma: una finale strameritata, dove ha sfidato una Juventus nettamente superiore che dopo aver vinto la Coppa Italia, si accinge a conquistare il suo sesto titolo consecutivo e a disputare una finale di Champions League contro il Real Madrid.
Gli applausi vanno ovviamente alla squadra di Allegri che alza il trofeo, ma anche alla sconfitta che si è battuta e ai suoi tifosi che hanno sostenuto la squadra fino alla fine, nonostante il doppio svantaggio.

Top&Flop

Top

Strakosha – Nonostante i due gol subiti è paradossalemte il migliore in campo. Se il ko non è maggiore è grazie ad un paio di interventi del giovane portiere. Applausi nei minuti finali: si supera su Higuain vincendo il duello personale con uno degli attaccanti più forti

Anderson – Buono l’impatto del brasiliano sul match. Sue le idee migliori e le azioni più pericolose.

Keita – Piange al triplice fischio: è stato il prescelto dall’inizio e il suo palo, l’unica azione del primo tempo, dava sensazioni positive. Poi la Lazio è sparita, ma il giovane senegalese ha poco da rimproverarsi. Contro una Juventus così, c’è poco da recriminare.

Biglia – Ha capito subito che i suoi compagni non c’erano. Ha alzato la voce, ha provato ad alzare il ritmo di gioco, ma c’è stato poco da fare.

Flop

Lulic – L’eroe di Coppa (sempre per quel gol contro la Roma nella finale del 2013), si è perso tra le gambe di Dani Alves. Serata da dimenticare per lui.

Basta –  Memore del gol nell’ultimo derby, ci prova anche contro la Juventus. Il pallone è un regalo alla curva. Questa è la sua migliore azione. Perchè non si ricorda una discesa sulla fascia, un’alzata di testa di quelle importanti. Sembra aver paura il terzino, non vede l’ora di togliersi il pallone dai piedi: passaggi corti, sbagliati o fuori misura.

Condividi su:
Share
Tags

0 Commenti

Ancora nessun Commento!

Non ci sono commenti per ora, vuoi aggiungere uno?

Scrivi un commento

Scrivi un Commento

 
Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On GooglePlusVisit Us On YoutubeCheck Our Feed

L'agenda degli eventi

Nov
25
sab
2017
09:00 Freedom Manifesto – Umanità in m... @ Centrale Montemartini
Freedom Manifesto – Umanità in m... @ Centrale Montemartini
Nov 25@09:00–19:00
Freedom Manifesto - Umanità in movimento: poster in mostra alla Centrale Montemartini @ Centrale Montemartini | Roma | Lazio | Italia
Da Comunicato Stampa: Freedom Manifesto – Umanità in movimento Può un poster cambiare il mondo? Comunicazione visiva e utopia del possibile. Il Centro di ricerca interdisciplinare sul paesaggio contemporaneo ha lanciato
10:00 Picasso, tra Cubismo e Classicis... @ Scuderie del Quirinale
Picasso, tra Cubismo e Classicis... @ Scuderie del Quirinale
Nov 25@10:00–20:00
Picasso, tra Cubismo e Classicismo alle Scuderie del Quirinale @ Scuderie del Quirinale | Roma | Lazio | Italia
Picasso, tra Cubismo e Classicismo: dal 22 settembre al 21 gennaio 2017 le Scuderie del Quirinale ospitano una mostra dedicata al genio spagnolo e alle opere ispirate dal suo soggiorno
21:00 Pink Floyd Legend Day: la second... @ Auditorium Conciliazione
Pink Floyd Legend Day: la second... @ Auditorium Conciliazione
Nov 25@21:00
Pink Floyd Legend Day: la seconda edizione all'Auditorium Conciliazione @ Auditorium Conciliazione
La tribute band romana “Pink Floyd Legend” torna ad esibirsi all’Auditorium Conciliazione di Roma il 25 novembre 2017, proponendo i brani tratti dall’album “Pulse”. Per l’occasione saranno presenti il percussionista Gary
21:30 In scena al Teatro Vascello lo s... @ Teatro Vascello
In scena al Teatro Vascello lo s... @ Teatro Vascello
Nov 25@21:30
In scena al Teatro Vascello lo spettacolo "La Gente di Cerami" @ Teatro Vascello
Sarà in scena fino al 17 dicembre 2017 al Teatro Vascello lo spettacolo “La Gente di Cerami” tratto dai racconti di Vincenzo Cerami Da comunicato stampa: La Gente di Cerami  fino al 17

Seguici su Twitter

Iscriviti alla Newsletter