Roma da Leggere

News

Pensionati in piazza, “A testa alta”! La carica dei 60 mila | LA TESTIMONIANZA

Pensionati in piazza, “A testa alta”! La carica dei 60 mila | LA TESTIMONIANZA
maggio 21
20:51 2016

Non solo uno slogan, ma la realtà. Hanno manifestato oltre 60 mila pensionati  in Piazza del Popolo, per il proprio diritto alla pensione quale unico punto fermo a garanzia di un futuro per le nuove generazioni. Diario di una giornata all’insegna della dignità, raccontata da chi ha preso parte alla manifestazione del 19 maggio 2016 a Roma

La giornata del 19 maggio 2016 è cominciata con l’appuntamento in uno dei tanti punti di raccolta dei pensionati, accompagnati con pullman di servizio alla manifestazione di Piazza del Popolo. Nel viaggio di andata tante storie si sono intrecciate da un posto all’altro, sul pullman: mani che si stringono, sguardi di intesa, complicità nei racconti a metà… Ma tanta, tanta compostezza, nonostante dolori articolari, gambe tremolanti, sorrisi a metà per via di denti mancanti, l’insonnia.  Ma una ventata di freschezza ci ha accompagnati tutti, nonostante l’età dei passeggeri, che, man mano che la strada avanzava, ricordavano luoghi, storie, i loro tempi, la loro gioventù!

Sono rimasta in silenzio ad osservare, a captare, a “sentire” con il cuore e con la pelle, sensazioni che difficilmente si provano nella quotidianità,  e di cui oggi mi sono nutrita, sentendomi più ricca, ed appagata di quei gesti, di quegli occhi, di quelle presenze, di quella distinta e composta dignità!

Piazza del Popolo è qui, davanti a noi, finalmente: la compostezza continua in mezzo ad un mare di bandiere, il rosso prevale, le scritte parlano di città lontane, di diritti acquisiti, di doveri rispettati. Molti  occhi assonnati di pensionati partiti all’alba, o nel pieno della notte, per essere puntuali all’appuntamento. Si susseguono gli interventi, tanti, tutti in difesa delle pensioni e dei pensionati. Qualcuno cita le scritte dei manifestanti che sono i veri interpreti della giornata: “non siamo il vostro bancomat, paghiamo sempre le tasse, non rubiamo il futuro ai giovani”, per citarne alcuni.

Ma la vera protesta dei pensionati in piazza sono loro stessi, la loro presenza dignitosa, a testa alta, appunto, mani ruvide dopo anni di lavoro nei campi, in fabbrica, in officina, e tra un intervento e l’altro, storie catturate dal vicino compagno di questa splendida giornata: “Devo sbrigarmi a rientrare, devo andare a prendere il nipotino  a scuola… Mia figlia lavora e devo aiutarla, perché è rimasta sola… Il marito l’ha lasciata per un’altra!”. Ed ancora “per la promozione a mio nipote, ho promesso il motorino, certo non nuovo, non potrei mai permettermelo, usato, ma in buone condizioni, l’ho trovato tramite amici..sai è molto bravo  a scuola e quando può, mi insegna come usare il telefonino ed io gli faccio trovare sempre il suo piatto preferito, le fettuccine!”. Ma una delle frasi più belle mi ha fatto sobbalzare e voltare, per identificare l’autrice .”Io sono qua, oggi, per difendere la mia pensione, senza la quale la mia nipotina, affetta da una rara malattia, non potrebbe avere l’assistenza sanitaria domiciliare. Mia figlia, è morta nel darla alla luce, ed ora io sono il suo tutto!“. non ce la fa a finire la storia… fischi, musica, altoparlanti coprono i respiri e le voci. Ma riesco a sentire ancora: “nessuno può togliermi un diritto sudato e conquistato dopo tanti anni di lavoro!”

Finiti gli interventi, ci avviamo tutti, in un ordine davvero mai visto, ciascuno con qualcosa in più nonostante il nulla della politica, e la miseria delle pensioni. Ma la soddisfazione di esserci stati è tanta, ed ora  si torna a casa. “Glielo abbiamo detto, se non ci danno quello che ci spetta, si va allo sciopero! Ed allora saremo molti di più!!!”

Certo, a Roma ed ai romani, abbiamo creato un bel problema bloccando il traffico per qualche ora! Ma ne valeva la pena! Così, oggi più che mai, sanno che senza di noi non si va da nessuna parte! Pensionati, non solo passato, ma presente e futuro per le nuove generazioni. Ed io sono una di loro. A testa alta!