Roma da Leggere

News

I ‘tavoli sociali’ del Rosti al Pigneto

I ‘tavoli sociali’ del Rosti al Pigneto
marzo 01
12:30 2013

In pieno stile neworkese, è nato circa un anno fa il nuovo locale  Rosti, con i suoi ‘tavoli sociali’ nel caratteristico quartiere del Pigneto a Roma.

Rosti al Pigneto concretizza l’idea di un  locale ‘sociale’ per il convivio amichevole.  Infatti i ‘tavoli sociali’ del locale invitano non soltanto alla degustazione dei piatti proposti nella carta del menù, ma soprattutto diventano occasione ideale per intrattenersi e conoscere nuovi  commensali.

Il quartiere non è nuovo a questo tipo di realtà (vedi anche l’articolo il Necci al Pigneto) e accoglie con entusiasmo la nuova esperienza proposta dai soci Massimo e Marco Gallotta già insieme per Primo altro ristorante della zona.

Rosti è definita dai proprietari, la fattoria dei buoni sapori, della genuinità e della convivialità. Non a caso la scelta dei tavoli sociali, del giardino dove mangiare e chiacchierare, e soprattutto dei piatti che ci ricordano atmosfere familiari. Nella bella stagione il lavoro inizia già dalle 11, per la “seconda colazione”, all’aperto, sotto gli alberi del giardino, o nelle sale. In questo periodo dell’anno, dalle 18, Rosti è in piena attività con gli aperitivi, e le cene , che vanno avanti fino alle due di notte.  Rosti2

Sabato e domenica il pranzo della nonna inizia alle 12. La caratteristica del locale non riguarda soltanto i tavoli sociali, già ampiamente citati, ma anche lo spazio all’aperto con il giardino, l’orto, il baby garden e il campo da bocce! Il tutto partecipa all’idea della domenica di una volta trascorsa nei cortili delle case o nelle piazze di paese. La sala centrale di Rosti è la vera officina della cottura, il trionfo degli arrosti, dei lieviti, della griglia, del forno a legna per la pizza romana, del lungo banco bar,  ma soprattutto del gigantesco Girol. Si tratta infatti di due metri per due di girarrosto-griglia dalle forme retrò,  che connota il locale per la cottura di carni e verdure,  senza smettere mai dall’apertura alla chiusura delle 2 di notte. In una delle due sale è possibile mangiare in compagnia dei cuochi al lavoro nella cucina, grazie al vetro comunicante  con le zone dei fuochi’a vista’.

La filosofia dei proprietari trova completa corrispondenza nello stile del del locale e soprattutto nella scelta  delle materie prime.

La ricerca fatta negli ultimi due anni, nelle aziende agricole e negli allevamenti di Lazio e Toscana, ha permesso a Marco Gallotta – che dirige la cucina di Rosti e seleziona le aziende – di assicurare ai propri commensali un prodotto biologico di alta qualità a prezzi bassi. La carne è fornita da un unico allevamento, l’azienda Aia della Colonna di Usi Saturnia (presidio Slow Food); i polli sono quelli dell’azienda Fattoria La Fornace così come le uova, di galline allevate all’aperto. I salumi sono, tra l’altro, dell’azienda Dol e le farine vengono dal mulino Sobrino. Vanda e Francesco, fruttivendoli del Pigneto, ci aiutano con frutta e verdura.

Alessandra Noviello

 

Rosti al Pigneto                                                                                                                           

Aperto dal Lunedì al Venerdì dalle 18 alle 02,
Sabato e Domenica dalle 10 alle 02
Via Bartolomeo D’Alviano, 65 – Roma
Tel 062752608
rosti@rostialpigneto.it
www.rostialpigneto.it
www.primoalpigneto.it
www.necci1924.com

 

Tags
Condividi

0 Commenti

Ancora nessun Commento!

Non ci sono commenti per ora, vuoi aggiungere uno?

Scrivi un commento

Scrivi un Commento