Roma da Leggere

News

Tabellino Lazio-Empoli 1-0: ci pensa ancora Caicedo

Tabellino Lazio-Empoli 1-0: ci pensa ancora Caicedo
febbraio 07
22:31 2019

Tabellino Lazio-Empoli 1-0: vittoria pesantissima dei biancocelesti che nell’anticipo della 23^ giornata battono i toscani grazie a Caicedo, protagonista della settimana biancoceleste

Ci pensa ancora Caicedo: dopo il gol vittoria contro il Frosinone, l’attaccante si ripete e regala ai suoi sei punti in due partite. Contro l’Empoli si guadagna e trasforma il rigore che decide il match. Tanta sofferenza per gli uomini di Simone Inzaghi che deve rinunciare a Immobile e Luis Alberto, termina il match in piena emergenza. Da sottolineare la buona prova di Romulo, al suo esordio, e Pedro Neto. Per lui pochi minuti, ma tanti applausi.

I ritmi sono bassi, le occasioni poche, ma c’era da aspettarselo. Gli incontri ravvicinati contro Inter e Frosinone hanno portato una semifinale di Coppa Italia e punti Champions in classifca, ma tante scorie da smaltire e giocatori in apnea. Poca qualità in campo, senza Immobile, Luis Alberto e Marusic su tutti, fa il suo esordio Romulo e Inzaghi si affida nuovamente a Caicedo con Correa.

L’ Empoli non è messa male in campo, la velocità di Caputo mette in difficoltà un Radu distratto, ma non impensierisce mai veramente Cataldi.

Dopo un avvio stentato, crescono i biancocelesti. Trovano anche il gol, annullato a Milinkovic per fuorigioco, ma rischiano un po’ troppo a motivo degli errori di Berisha e Bastos, le note dolenti dell’undici biancoceleste.

Al 36^ la palla clamorosa sui piedi di Correa. Bella azione manovrata che ha portato il numero 11 davanti al portiere, ma il giocatore cerca la giocata e il pallone finisce addosso al numero 1 toscano.

Al 40^ si sblocca il match e i fari si accendo su Felipe Caicedo. Bravo a procurarsi il rigore, cercando e trovando il fallo del portiere Provedel. L’arbitro Chiffi non ha dubbi ed indica il dischetto. I dubbi sono dei giocatori della Lazio su chi dovesse batterlo. Caicedo prende il pallone deciso a batterlo, glielo ruba poi Correa, mentre dalla panchina indicano Romulo all’esordio. Caicedo però non cede: suo il rigore, suo il gol che porta la Lazio in vantaggio.

Più pericolosa l’Empoli nella ripresa. Cerca il gol del pareggio al 14^ con un bel tiro da fuori di Krunic che termina di poco fuori. Fa fatica a ripartire la Lazio: sono gli ospiti a fare la partita, mentre i capitolini partono in contropiede, ma non hanno la velocità per farlo. E quando hanno l’occasione, sprecano malamente. Al 18′ bella palla di Caicedo per Correa: lanciato tutto solo, calcia altissimo.
Al 32^ graziata la Lazio su calcio di punizione dell’Empoli. Strakosha non esce e la palla sfiora la porta biancoceleste.

E’ un quarto d’ora finale di emergenza per la Lazio: in campo mancano i titolarissimi e il centrocampo è del tutto inedito. Inzaghi in emergenza si affida a Cataldi, Badelj e Leiva, con l’argentino particolarmente sottotono rispetto agli standard a cui ha abitutato.

I ritmi sono bassi, le occasioni poche, ma c’era da aspettarselo. Gli incontri ravvicinati contro Inter e Frosinone hanno portato una semifinale di Coppa Italia e punti Champions in classifca, ma tante scorie da smaltire e giocatori in apnea. Poca qualità in campo, senza Immobile, Luis Alberto e Marusic su tutti, fa il suo esordio Romulo e Inzaghi si affida nuovamente a Caicedo con Correa.

L’ Empoli non è messa male in campo, la velocità di Caputo mette in difficoltà un Radu distratto, ma non impensierisce mai veramente Cataldi.

Dopo un avvio stentato, crescono i biancocelesti. Trovano anche il gol, annullato a Milinkovic per fuorigioco, ma rischiano un po’ troppo a motivo degli errori di Berisha e Bastos, le note dolenti dell’undici biancoceleste.

Al 36^ la palla clamorosa sui piedi di Correa. Bella azione manovrata che ha portato il numero 11 davanti al portiere, ma il giocatore cerca la giocata e il pallone finisce addosso al numero 1 toscano.

Al 40^ si sblocca il match e i fari si accendo su Felipe Caicedo. Bravo a procurarsi il rigore, cercando e trovando il fallo del portiere Provedel. L’arbitro Chiffi non ha dubbi ed indica il dischetto. I dubbi sono dei giocatori della Lazio su chi dovesse batterlo. Caicedo prende il pallone deciso a batterlo, glielo ruba poi Correa, mentre dalla panchina indicano Romulo all’esordio. Caicedo però non cede: suo il rigore, suo il gol che porta la Lazio in vantaggio.

Più pericolosa l’Empoli nella ripresa. Cerca il gol del pareggio al 14^ con un bel tiro da fuori di Krunic che termina di poco fuori. Fa fatica a ripartire la Lazio: sono gli ospiti a fare la partita, mentre i capitolini partono in contropiede, ma non hanno la velocità per farlo. E quando hanno l’occasione, sprecano malamente. Al 18′ bella palla di Caicedo per Correa: lanciato tutto solo, calcia altissimo.
Al 32^ graziata la Lazio su calcio di punizione dell’Empoli. Strakosha non esce e la palla sfiora la porta biancoceleste.

E’ un quarto d’ora finale di emergenza per la Lazio: in campo mancano i titolarissimi e il centrocampo è del tutto inedito. Inzaghi in emergenza si affida a Cataldi, Badelj e Leiva, con l’argentino particolarmente sottotono rispetto agli standard a cui ha abitutato. Ultimi minuti con l’attacco affidato a Pedro Neto e Correa: leggerezza ed errori da parte della Lazio che soffre fin troppo. Ma la nota positiva è proprio il giovane Neto: applausi per lui per l’intelligennza e la malizia mostrate nei pochi minuti a disposizione.

Tabellino Lazio-Empoli 1-0, gara valida per la 23^ giornata di Serie A disputata giovedì 7 febbrio 2019:

 

Marcatore: 42′ rig. Caicedo (L)

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Bastos, Acerbi, Radu; Romulo, Milinkovic (58′ Cataldi), Leiva, Berisha (77′ Badelj), Lulic; Correa, Caicedo (84′ Neto).

A disp.: Proto, Guerrieri, Luiz Felipe, Kalaj, Zitelli, Patric, Marusic, Jordao, Durmisi.

All.: Simone Inzaghi.

EMPOLI (3-5-2): Provedel; Veseli, Silvestre, Dell’Orco; Di Lorenzo, Krunic, Bennacer, Traore (69′ Acquah), Pasqual (88′ Mchedlidze); Farias (51′ Oberlin), Caputo.

A disp.: Perucchini, Antonelli, Rasmussen, Diks, Maietta, Nikolaou, Pajac, Brighi, Ucan.

All.: Giuseppe Iachini.

Arbitro: Daniele Chiffi (Sez. Padova)

Ass.: Preti – Di Iorio

IV uomo: Nasca

VAR: Orsato

AVAR: Di Vuolo

NOTE. Ammoniti: 89′ Acquah (E), 90’+3′ Neto (L)

Recuperi: 1′ pt; 3′ st.

Condividi

0 Commenti

Ancora nessun Commento!

Non ci sono commenti per ora, vuoi aggiungere uno?

Scrivi un commento

Scrivi un Commento