Roma da Leggere

News

Tabellino Lazio-Sampdoria 2-2: mille emozioni, ma solo un punto

Tabellino Lazio-Sampdoria 2-2:  mille emozioni, ma solo un punto
dicembre 08
22:44 2018

 

Tabellino Lazio-Sampdoria 2-2: un punto amaro per la Lazio che non riesce più a vincere, neppure quando passa in vantaggio al 96′. Primi fischi all’Olimpico

Giustizia è fatta verrebbe da dire: dopo che domini, recuperi e passi in vantaggio al 96′ con un rigore assegnato dal Bar, come sindaco a pareggiare? Chiedetelo a Strakosha che quando l’arbitro aveva già il fischietto in bocca, ha sbagliato il rinvio permettendo  a Saponara di segnare una rete che ha gelato l’Olimpico, pronto a festeggiare. Termina quindi 2 a 2 il match valido per la 15esima giornata, disputata sabato 8 dicembre. Termina tra qualche fischio dei tifosi e la rabbia dei giocatori in campo.

Eppure parte forte la Lazio, consapevole che l’unico risultato possibile in casa contro la Sampdoria è la vittoria. E sembra provarci sin dai primi minuti e trova anche la rete con Immobile, annullata per posizione di fuorigioco. Al 15′ vicinissima ancora al vantaggio con Patric: l’assist al bacio è di Immobile, ma il tiro è alle stelle.

La Samp non sta a guardare: alza il baricentro, schiaccia la Lazio e trova al 20′ il gol del solito Quagliarella. Imbambolata la squadra di Inzaghi, fermo Lulic e superato Wallace che sbaglia il fuorigioco.

Dopo il gol subito, prova la Lazio a rialzare la testa, ma evidentemente lo fa con poca convinzione e i blucerchiati quando partono in contropiede, sono sempre pericolosi.

Neppure l’ idea di schierare Caicedo dal primo minuto non ha portato i risultati sperati, almeno in avvio di partita. Le azioni più pericolose dei biancocelesti iniziano e terminano incredibilmente tra i piedi dell’attaccante laziale. Incredibilmente perché sbaglia l’impossibile, facendosi intercettare il pallone a due passi dalla porta, dopo averlo rubato per involarsi in rete. Pochi minuti dopo, fallisce il colpo che avrebbe concluso una splendida azione di Ciro Immobile.

Ed è il solito Immobile il più agguerrito: ci prova con un tiro dalla distanza che termina fuori e allo scadere del primo tempo colpisce il palo. Niente da fare e per la prima volta nella stagione il primo tempo termina tra i fischi della Curva Nord.

Cambia poco il copione nella ripresa. Sul piano del gioco la Lazio non delude: il problema resta la finalizzazione. Non manca il sostegno dei tifosi, ma il tiro di Patric e l’azione firmata da Lulic non hanno l’esito sperato. È assedio biancoceleste, ma la Samp ha costituito un fortino a difesa del vantaggio.

L’ingresso di Correa sveglia i suoi, ma anche lui, solo davanti alla porta sbaglia un gol praticamente fatto.
Non ci sta a perdere la Lazio e neppure il tecnico che lo dimostra con le scelte: al 30′ dentro Luis Alberto al posto di Wallace. Ed è dall’angolo dello spagnolo che nasce il gol di Acerbi che al 33′ pareggia i conti. Sarà un caso, ma come successo contro il Chievo è il passaggio alla difesa a quattro a cambiare volto e risultato.

All’85’ clamorosa la palla gol fallita dalla Lazio, l’ennesima, questa volta da Milinkovic. Anonimo per tutto il match, ha l’occasione di dare ai suoi i tre ounti, ma impatta male il pallone che termina di poco fuori.

Quello che succede dal 90 in poi ha dell’incredibile. Punizione di Luis Alberto che recrimina fin da subito per un colpo di braccio. Ci mette un po’ Massa con la Var, ma al 96′ assegna il rigore ai padroni di casa. Pesantissimo, ma Immobile dal dischetto non sbaglia ed esplode lo stadio. Sembra fatta, ma non per Strakosha che regala a Saponara la palla che chiude i conti.

Ennesima occasione sprecata, quarto pareggio consecutivo, che non serve a nulla, soprattutto per il morale.

Lazio-Sampdoria 2-1

Marcatori: 21′ Quagliarella (S), 79′ Acerbi (L), 96′ rig. Immobile (L), 99′ Saponara (S).

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Wallace (76′ Luis Alberto), Acerbi, Radu; Patric, Parolo, Badelj (52′ Correa), Milinkovic, Lulic; Caicedo (52′ Cataldi), Immobile.

A disp.: Proto, Guerrieri, Luiz Felipe, Bastos, Caceres, Durmisi, Lukaku, Berisha, Murgia.

All.: Simone Inzaghi.

SAMPDORIA (4-3-1-2): Audero; Bereszynski, Andersen, Colley, Murru; Praet (70′ Jankto), Ekdal, Linetty; Ramirez (82′ Saponara); Caprari (65′ Kownacki), Quagliarella.

A disp.: Rafael, Belec, Ferrari, Tonelli, Rolando, Sala, Tavares, Vieira, Defrel.

All.: Marco Giampaolo.

Arbitro: Davide Massa (sez. Imperia)

Ass.: Valeriani – Di Vuolo

IV uomo: Illuzzi

VAR: Pairetto

AVAR: Manganelli

NOTE. Ammoniti: 40′ Bereszynski (S), 45′ Immobile (L), 57′ Audero (S), 69′ Wallace (L), 90′ Linetty (S), 101′ Saponara (S)

Espulso: 92′ Bereszynski (S)

Recupero: 2′ pt; 5′ st.

 

 

 

Tags
Condividi

0 Commenti

Ancora nessun Commento!

Non ci sono commenti per ora, vuoi aggiungere uno?

Scrivi un commento

Scrivi un Commento