Roma da Leggere

News

Vacanze rovinate? Questi i presupposti per chiedere i danni

Vacanze rovinate? Questi i presupposti per chiedere i danni
settembre 22
12:03 2017
Condividi su:
Share

VNella nuova puntuata della rubrica “La finestra sul diritto” si parla del risarcimento del danno da vacanze rovinate e di cosa è rimborsabile dal tour operator, che non ci ha permesso di godere del meritato e agognato riposo

 

Il caldo opprimente di luglio e agosto ci fa desiderare solo un tuffo dove l’acqua è più blu. Questo desiderio, tuttavia, si trasforma in alcuni casi in un incubo ed è così che la frizzante aria settembrina porta a considerare la richiesta di risarcimento del danno da vacanze rovinate.

La materia, in attuazione dell’art. 5 della dir. 90/314/CEE, è disciplinata dall’art. 47 del codice del turismo, secondo il quale: “nel caso in cui l’inadempimento o inesatta esecuzione delle prestazioni che formano oggetto del pacchetto turistico non sia di scarsa importanza ai sensi dell’articolo 1455 del codice civile, il turista puo’ chiedere, oltre ed indipendentemente dalla risoluzione del contratto, un risarcimento del danno correlato al tempo di vacanza inutilmente trascorso ed all’irripetibilita’ dell’occasione perduta.”

Il danno da vacanze rovinate, quindi, è un danno non patrimoniale di natura contrattuale, il risarcimento del quale ha ad oggetto tutti i disagi subiti nel corso del viaggio e riconducibili all’inadempimento dell’operatore turistico.

Tuttavia, non ogni scostamento dal pacchetto turistico promesso è risarcibile. Infatti, si qualifica come danno da vacanze rovinate solo quello provocato da un inadempimento grave del tour operator. Per costante giurisprudenza di merito, difatti, sono risarciti quei disagi, che superano una soglia minima di tollerabilità, da valutarsi in relazione alle singole fattispecie con apprezzamento di fatto del giudice di merito.

Danno da vacanze rovinate: cosa viene in concreto liquidato?

Un’aggressione all’interno del villaggio turistico o la mancanza di acqua necessaria a lavarsi in una barca possono essere oggetto di risarcimento del danno da vacanze rovinate. Inoltre, sono risarciti tutti quegli inadempimenti, che ci rendono la vacanza insopportabile. I parametri per la liquidazione in concreto sono il tempo di vacanza inutilmente trascorso e l’irripetibilità dell’occasione perduta.

Questo significa, peraltro, che tale voce di danno è ulteriore rispetto al risarcimento del danno patrimoniale subito, che può consistere, ad esempio, nel valore dei beni contenuti in una valigia smarrita.

Per provare di aver diritto alla voce di risarcimento in parola, inteso come disagio psico-fisico conseguente alla mancata realizzazione, in tutto o in parte, della vacanza programmata, lo sfortunato turista deve dimostrare l’esistenza del contratto turistico e il suo inadempimento. Infatti, non possono formare oggetto di prova diretta gli stati psichici dell’attore desumibili, peraltro, dalla mancata realizzazione della finalità turistica e dalla concreta regolamentazione contrattuale delle attività e dei servizi prestati, essenziali alla realizzazione dello scopo vacanziero.

Infine, se viene chiesto il risarcimento di un danno non patrimoniale diverso dai danni corporali, il viaggiatore, ai sensi dell’art 45 del codice del turismo, ha un anno di tempo a decorrere dal rientro per chiedere il risarcimento del danno subito.
Se, invece, l’inadempimento del tour operator o dei suoi ausiliari causa anche danni corporali, il danno da vacanza rovinata è regolato dall’art. 44, fra i danni corporali, con applicazione del termine di prescrizione triennale.

ilaria.delloioio@gmail.com

Condividi su:
Share
Tags

0 Commenti

Ancora nessun Commento!

Non ci sono commenti per ora, vuoi aggiungere uno?

Scrivi un commento

Scrivi un Commento

 

L'agenda degli eventi

Dic
11
lun
2017
10:00 Picasso, tra Cubismo e Classicis... @ Scuderie del Quirinale
Picasso, tra Cubismo e Classicis... @ Scuderie del Quirinale
Dic 11@10:00–20:00
Picasso, tra Cubismo e Classicismo alle Scuderie del Quirinale @ Scuderie del Quirinale | Roma | Lazio | Italia
Picasso, tra Cubismo e Classicismo: dal 22 settembre al 21 gennaio 2017 le Scuderie del Quirinale ospitano una mostra dedicata al genio spagnolo e alle opere ispirate dal suo soggiorno

Seguici su Twitter

Iscriviti alla Newsletter