Roma da Leggere

News

Video sui Casamonica, dopo le minacce a Dado una serata per la libertà di satira | L’intervista

Video sui Casamonica, dopo le minacce a Dado una serata per la libertà di satira | L’intervista
agosto 31
12:19 2015

Nostra intervista a Dado, il comico romano minacciato di morte dopo il suo video sui Casamonica e sul funerale del Boss Vittorio. “Hanno visto in me un facile bersaglio per sfogarsi dopo tutto quello che i media hanno detto su di loro. Non volevo offendere nessuno”. In occasione del suo ultimo show estivo, il 4 settembre 2015 al Parco del Celio (nell’ambito della rassegna All’Ombra del Colosseo), tanti attori e giornalisti parteciperanno a Je Suis Dadò, un evento a favore della libertà di espressione

Non era la prima volta che, attraverso le parole in musica, non le mandava a dire contro questo o quel personaggio di turno che metteva in cattiva luce l’immagine dell’Italia. Attraverso il suo progetto Canta la notizia, infatti, erano già da mesi – inizialmente sugli schermi di La7 durante la trasmissione Servizio Pubblico di Michele Santoro – che Dado imperversava con il suo faccione riprendendo in musica il fatto della settimana, con la sua corrosiva satira, molto apprezzata dal pubblico soprattutto quello che lo segue su YouTube e sui social. Ma, se già il video su Mafia Capitale, in cui si parlava di “Sacra Coratella Unita” era rimasta indigesta a qualcuno dei diretti interessati, questa volta, ben più pesante è stata la reazione di chi si è sentito colpito dagli attacchi satirici nella rivisitazione del brano Non voglio mica la luna, incentrato sul funerale del Boss Vittorio Casamonica e sul loro potere nella Capitale, tanto forte da rendere le istituzioni impotenti dinanzi alle loro “tradizioni” e al loro modo di fare.

Guarda il video sui Casamonica di Dado e continua a legggere:

[ot-video]

Dopo il video caricato su Youtube e condiviso sulla sua pagina di Facebook, infatti, Dado ha iniziato a ricevere da subito pesanti critiche, seguite da minacce di morte, insulti alla madre e poco rassicuranti avvertimenti, soprattutto in vista del suo spettacolo svoltosi al Parco del Celio venerdì 28 agosto 2015 nell’ambito della rassegna All’Ombra del Colosseo. Fortunatamente, durante lo show – malgrado la paura inziale – tutto è filato liscio e la presenza di Venditti sul palco insieme a Dado è stato un forte segnale di distensione. “Hanno visto in me un facile bersaglio per sfogarsi dopo tutto quello che i media hanno detto su di loro  è quanto racconta a Roma da Leggere Dado, raggiunto telefonicamente -. Non volevo offendere nessuno, sono mesi che vado avanti con il mio progetto Canta la notizia, in cui mi limito solo a riportare in maniera ironica quanto è già stato detto e scritto sui giornali”. In seguito alle minacce, numerose e immediate sono state le manifestazioni di solidarietà nei confronti del comico romano sullo stesso social su cui aveva subìto i violenti attacchi verbali: una testimonianza di affetto e calore – come l’hashtag su Twitter #IoStoconDado – nei confronti di chi ha avuto il coraggio di raccontare in maniera ironica come stanno le cose.

Ascolta la nostra intervista integrale a Dado sulla reazione per il video sui Casamonica e continua a leggere:

Come annunciato stesso da Dado, venerdì 4 settembre 2015 – in occasione del suo ultimo spettacolo alla rassegna All’Ombra del Colosseo – il comico romano darà vita a Je Suis Dadò, uno show incentrato sulla libertà di satira e di espressione, al quale sono stati invitati attori e comici, come Enrico Brignano, Max Giusti e Max Tortora (“che sono più grossi di corporatura – dice Dado – e quindi potranno essere utili come servizio di sicurezza”) e giornalisti (“tranne Chiambretti – prosegue il comico – in quanto troppo piccolo di coproratura!”).
Un evento per ribadire l’importanza di poter raccontare attraverso vari strumenti di espressione (come la satira) ciò che ci circonda.

 Guarda un precedente video di Dado dedicato a Mafia Capitale, sulle note di “Mammia mia” degli Abba:

[ot-video]